Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/496

486 ATTO TERZO

Lelio. Vuol che andiamo?

Catte. (Per non andar sola, bisognerà che gh’abia pazenzia). (da sè)

Lelio. Io son così colle donne: quando ne ho, ne spendo; quando non ne ho, lo dico, e se me ne danno, ne prendo.

Catte. Mo a Venezia el ghe ne troverà poche, che ghe ne daga.

Lelio. Favoritemi della mano.

Catte. Son qua. (Podevio trovar de pezo?) (da sè)

SCENA IX.
Pantalone con lanterna, e detti.

Pantalone. Ah cagadonao, ti xe qua? (a Lelio)

Lelio. (Maledettissimo incontro! Mio padre ha preso a perseguitarmi). (da sè, fugge via)

Pantalone. Siora Catte, cossa vedio? Qua se a st’ora? Cossa xe de Bettina? Cossa fè vi qua co mio fio?

Catte. Oh, caro sior Pantalon, quante lagreme che ho trato! Quanta passion ch’ho abuo! Semo stae chiapae tute do, come che l’ha visto. I n’ha mena no so dove, e i m’ha desligà mi, e i ha fato che vaga via. De mia sorela no ghe n’ho mai più savesto nè niova, nè imbassada.

Pantalone. E co mio fio cossa fevi?

Catte. So fio el xe quel martuffoa? Mi gnanca no lo cognosso. A st’ora no ghe vedo, e no so andar a casa. El s’aveva esebìo de compagnarme, e mi m’aveva tacà al partìo.

Pantalone. Gran desgrazià che xe colù! Siora Catte, mi gh’ho do gran travaggi. Uno xe aver un fio cussì baron, che de pezo no se pol dar. L’altro aver perso cussi miseramente Bettina. Per el primo sta notte ghe remedierò. Ho trovà i zaffi1, gh’ho dà la bona man, acciò che i lo liga, e che i ghe fazza per sta volta un poco de paura, e un’altra volta pò ghe la farò dasseno. Per el secondo no so cossa dir; no so da che cao

  1. Allocco, uomo grossolano.
  1. Birri: V. Boerio.