Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/490

480 ATTO TERZO

SCENA IV.
La marchesa Beatrice e detta.

Beatrice. Chi siete voi?

Bettina. Una povera puta.

Beatrice. Che fate qui?

Bettina. Gnente.

Beatrice. Chi v’ha qui condotta?

Bettina. No so gnanca mi.

Beatrice. Chi aspettate?

Bettina. Nissun.

Beatrice. Ma chi diavolo siete?

Bettina. Mi gh’ho nome Bettina, e son...

Beatrice. Non occorr’altro; so chi siete. Siete la cicisbea del mio signor consorte.

Bettina. E chi xelo sto sior, che nol cognosso?

Beatrice. Cara! Nol conoscete? Il marchese di Ripaverde.

Bettina. Sielo maledio; che nol posso veder, nè sentir a minzonar.

Beatrice. Nol potete vedere, e venite di notte in sua casa?

Bettina. Questa xe casa de sior Marchese?

Beatrice. Per l’appunto.

Bettina. Adesso vegno in chiaro de tuto. Elo xe sta quelo che m’ha tradio. Donca ela xe mugier de sto sior Marchese?

Beatrice. Sì, son quella. Che vorreste voi dire?

Bettina. Cara lustrissima, no la me abandona, ghe lo domando per carità. Mi son una puta onorata. So mario ha fato de tuto per tirarme zozo. No ghe xe riuscio co le bone, e lu m’ha fato robar.

Beatrice. Posso creder veramente quanto mi dite?

Bettina. Ghe zuro da puta da ben, che la xe cussì; e se no la me crede, la lo vederà.

Beatrice. Quand’è così, m’impegno di proteggervi e di darvi soccorso.

Bettina. La sapia, lustrissima, che son promessa con un puto che la cognosse anca ela.