Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/489


LA PUTTA ONORATA 479

Beatrice. Chi sa? Con ventidue zecchini posso ritentar la mia sorte. Ma se il Marchese non mi ricompra le gioje, ha da sentire. Chi è mai questa creatura che piange? Pare che sia in questa casa. Mi sembra che la voce venga da qualche altra camera. Qui vi è qualcheduno senz’altro. Alla voce sembra una donna. Sarebbe bella che mio marito... Non sarebbe la prima volta. Voglio chiarirmi. Se la porta sarà serrata, la farò buttar giù. Su gli occhi miei? in casa mia? Se vi è una donna, si pentirà di esser venuta. (parte)

SCENA III.
Altra camera del Marchese con due porte, con tavolino e un lume.
Bettina sola.

Oh povereta mi! Cossa mai sarà de mi? Dove songio? In che casa songio? Chi mai xe sta che m’ha mena via? Mia sorela dove mai xela? Cossa dirà sior Pantalon? El mio Pasqualin cossa diralo? Cossa faralo, le mie raìse? Povero Pasqualin, dove xestu, anema mia? Perchè no viestu a agiutar la to povera Bettina, che te vol tanto ben? Se el lo savesse dove che son, son segura ch’el se buterave in fuogo per mi. Chi mai xe sta quel can, quel sassin, che m’ha fato sta baronada? Gh’ho paura ch’el sia stà quel Marchese. Ma pussibile che in sta casa no ghe sia nissun? Oe, zente, agiuto, averzime, muoro. Maledeti sti omeni! O co le bone, o co le cative i la vol venzer seguro. Ma co mi nol farà gnente sto can. S’el me vegnirà intorno, ghe darò tanti pizzegoni e tante sgrafignaure, che ghe farò piover el sangue. (si sente sforzar una porta)

Oimei! Coss’è sta cossa? I buta zoso la porta. Agiuto per carità, che no posso più.