Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/446

436 ATTO PRIMO

Menego. Coss’è, sior canapioloa dal tabarielo?Seu gnancora stufo de sticarlab da cortesan? Me par che sarave ora de meterve la valesana, la vostra baretina rossa, e col vostro cievoleto1 in man trarve fuora e laorar per el mastegoc.

Pasqualino. Eh, missier pare, altro che valesana e bareta rossa! Deboto me vedere co la peruca, col tabaro de scartato e co la penna in recchia.

Menego. Comuodo? Senza che mi sapia? Coss’è sta novitae? Caro sior, la me la conta.

Pasqualino. El lustrissimo sior Marchese, nostro paron, m’ha tiolto in tel so mezà.

Menego. E a mi no se me dise gnente? Cossa songio mi? Un pampanod?

Pasqualino. Col ve vederà, el ve lo dirà. No gh’ave gusto, messier pare, che sia impiegao?

Menego. Gh’averave gusto, se te vedesse monta su una poppe; se te vedesse a un tragheto, o in casa de qualche paron; e far el mestier che fa to pare, che ha fato to nono, to bisnono, e tutta la nostra famegia. Cossa credistu, toco de frasca, ch’el mistier dee barcariol no sia onorato e civil? Pezzo de mato! Nualtri servitori de barca in sto paese formemo un corpo de zente, che no se trova in nissun altro paese del mondo. Servimo, xe vero, ma el nostro xe un servir nobile, senza isporcarse le man. Nualtri semo i secretari più intimi dei nostri paroni, e no gh’è pericolo che da la nostra bocca se sapia gnente. Nu semo pagai più dei altri, mantegnimo le nostre case con proprietà; gh’avemo credito coi boteghieri; semo l’esempio de la fedeltà; semo famosi per le nostre bote2, e per la prontezza del nostro inzegno; e sora tuto semo tanto fedeli e sfegatai per la nostra patria, che sparzeressimo per ela el

  1. Signorino, galante, ridicolo.
  2. Ingegnarsi d’apparire da qualche cosa
  3. Per aver di che mangiare.
  4. Pampino, e significa qui: uomo da nulla, da non farne caso.
  5. Motti, facezie.
  1. Remo  1
    1. In lingua furbesca. Propriamente: piccolo cefalo. V. Boerio.
  2. Sav. e Zatta: del.