Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/443


LA PUTTA ONORATA 433

Bettina. (E pur no lo posso veder). (da sè)

Ottavio. Spero che un giorno vi moverete a pietà.

Bettina. (Spero che un zomo i lo ligherà a l’ospeal). (da sè)

Ottavio. Amico, andiamo.

Arlecchino. La vaga, che la perseguito.

Ottavio. Bettina, vi lascio il core. (parte)

Bettina. Magari ch’el lassasse anche la coraela.

Arlecchino. Vardè se sì matta! Recusar el caffè, recusar i regali. Una povera putta recusar le finezze d’un cavalier! Eh, cugnada cara, se farè cussì, farè la muffa. (parte)

SCENA XVI.
Bettina sola.

Gran desgrazia de nualtre pute! Se semo brute, nissun ne varda; se semo un puoco vistose, tuti ne perseguita. Mi veramente no digo d’esser bela; ma gh’ho un certo no so che, che tuti me corre drio. Se avesse volesto, saria un pezzo che saria maridada, ma al tempo d’adesso ghe xe puoco da far ben. Per el più la zoventù i xe tuti scavezzacoli. Ziogo, ostaria e done, queste xe le so più bele virtù. Tanti se marida per quela poca de dota, i la magna in quattro zorni, e a la mugier, in vece de pan, tonfia maledeti. E pur anca mi me vôi maridar, e credo che el mio no l’abia1 da esser compagno dei altri. Basta, sia come esser se vogia, no me n’importa. Dise el proverbio: Chi contenta2, gode. Xe megio magnar pan e ceola3 con un mario che piase, che magnar galine e caponi con un omo de contragenio. Sì ben, soto una scala, ma col mio caro Pasqualin. (parte)

  1. Pugna.
  1. Sav. e Zata: no abbia.
  2. Così tutte le edd., invece di: Chi se contenta ecc.
  3. Cipolla.