Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/435


LA PUTTA ONORATA 425

Pantalone. Fia mia, no ve ustinè in te la vostra opinion. Ascoltè i vecchi, e sappiè che la zoventù se precipita per voler far a so muodo. Più che se vive, più s’impara. Mi che ho viveste più de vu, ve posso insegnar. Ve prego, accette i mi conseggi, se no volè accettar el mio cuor. Sième una fia obbediente, se no ve degnè de deventarme mugier. (parte)

SCENA XI.
Bettina, poi Catte.

Bettina. Vogio el mio Pasqualin e no vogio altri. Quello xe da xe da par mio. No vogio entrar in grandezze. Ghe ne xe pur tropo de quele mate che per deventar lustrissime no le varda a precipitarse. I titoli no i dà da magnar. Quante volte se vede la Lustrissima andar per ogio, con un fasseto sotto el zendà e un quarto de farina zala in t’un fazzoleto? Ghe n’è de quele che incontra ben e che de poverete le deventa ricche; ma pò le xe el bèco mal vardàa. La madona1 no le pol veder; le cugnae le strapazza: la servitù le desprezza; el mario se stufa e la lustrissima maledisse la scufia e chi ghe l’ha fata portar.

Catte. Uh, sorela cara, son intrigada morta2.

Bettina. Cossa gh’è? Cossa gh’aveu?

Catte. Oh sia maledeto quando ho lassa quela porta averta.

Bettina. Xe sta porta via qualcossa?

Catte. Eh giusto! Quel sior Marchese che ve diseva, l’ha trovà averto, e el xe vegnù drento a dretura.

Bettina. El xe un bel temerario. Presto, fèlo andar via.

Catte. Oh, figureve! El vien su per la scala. Gh’ho un velen che crepo.

Bettina. E mi gh’ho paura che vu, siora...

Catte. Velo qua ch’el vien.

  1. Essere il mal veduto da tutti di casa.
  1. Suocera.
  2. Imbarazzatissima.