Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/424

414 ATTO PRIMO


l’ha fato l’amor co Pasquetta, el xe andà in casa de più de diese, e Tonina ghe ne tiol in casa quanti ghe ne va.

Bettina. Se le fa mal, so dano. Mi son1 una puta da ben.

Pasqualino. E mi cossa songio2? Qualche scavezzacoloa?

Bettina. No, no digo questo. Sè un puto bon3 e modesto; ma in casa no se vien per adesso.

Pasqualino. Quando donca ghe vegnirogio?

Bettina. Co m’averè dao el segnob.

Pasqualino. El segno ve lo dago anca adesso.

Bettina. M’aveu gnancora fato domandar?

Pasqualino. Mi no; no gh’avè nè pare, nè mare.

Bettina. Gh’ho ben mia sorela maridada. Ela la me xe in liogo de mare.

Pasqualino. Ben, parlerò mi con ela.

Bettina. Fè quel che volè; ma sentì, bisogna dirlo anca a sior Pantalon.

Pasqualino. Cossa gh’intrelo quel vecchio? Xelo vostro barba?

Bettina. El xe un mio benefator, che m’ha promesso la dota.

Pasqualino. Piase? Gh’ave un benefator? Ho inteso. So che ora che xe4.

Bettina. Coss’è, sior pezzo de strambazzo? Cossa credeu? Che5 sia qualche frasca? Son una puta da ben, onorata. Se gh’ho un benefator, el xe un vecchio, che lo fa per carità. Me maravegio dei fati vostri.

Pasqualino. Mo via, non andè in còlerà.

Bettina. Co i me intaca in te la reputazion, no varderia in tel muso a mio pare.

Pasqualino. No me par d’aver dito...

Bettina. Ave dito anca troppo.

Pasqualino. Eh via, averzì, che faremo pase.

Bettina. Se sè mato, andeve a far ligar.

  1. Rompicollo, scorretto.
  2. L’anello.
  1. Sav. e Zatta: so.
  2. Savioli e Zatta: sogio.
  3. Sav. e Zatta: un bon putto.
  4. «Detto met. So come va l’affare; Capisco ecc.»: Boerio cit.
  5. Sav. e Zatta: credeu, che.