Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/423


LA PUTTA ONORATA 413


de casa, se no gh’avesse sto liogo, morirave de malinconia. E pò qua semo fora dei1 petegolezzi. In sta corte no ghe sta nissun; nissun me sente, nissun me vede. No posso veder pezo, quanto quel star in compagnia de certe frasche, che no le fa mai altro che dir mal de questa e de quela. Anca de mi le dirà qual cossa, perchè me pratica per casa sior Pantalon; ma che le diga quel che le vol; el xe vecchio, el me fa da pare, el me agiuta per carità. Dise el proverbio: mal no far, e paura no aver. El m’ha anca promesso de maridarme; ma se no me toca Pasqualin, no voggio altri marii. Velo qua ch’el vien, siestu benedio. Caro quel muso! caro quel pepoloa! Co lo vedo, se me missiab tutto el sangue che gh’ho in te le vene.

SCENA VI.
Pasqualino col tabarro alla veneziana, e detta.

Pasqualino. Tiolèc, chi la vol veder, sempre su l’altana a farse veder da tuti, a recever i basamani.

Bettina. Vardè che sestid! Stago qua per vu, caro fio. No podè dir che m’abiè visto a parlar co nissun.

Pasqualino. Mi no vogio che stè in altana. Sè troppo bassa.

Bettina. Se passerè, no ve vederò.

Pasqualino. Co passerò, subierò. No me fè andar in còlera.

Bettina. No, vissere, no andar in còlerà, che farò a to muodo.

Pasqualino. Ma hogio mo da star sempre qua impalaoe?

Bettina. Cossa voressi2 far?

Pasqualino. Vegnir in casa.

Bettina. Oh, in casa no se vien.

Pasqualino. No? Per cossa?

Bettina. Le pute da ben no le receve in casa i morosi.

Pasqualino. Me la disè ben granda! Toni, el segondo zorno che

  1. Uomo bassotto.
  2. Si mescola.
  3. Ecco qua.
  4. Che modi.
  5. Ritto in piedi.
  1. Bettin.: da i.
  2. Bettin. e Paper. sbagliano stampando voressistu.