Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/421


LA PUTTA ONORATA 411

Menego. Lustrissima, son qua al so comandi.

Ottavio. Ditemi, come siete contento del mio servizio?

Menego. Contentissimo. Quando a la fin del mese scorre le moneea, mi no cerco altro. De ela no me posso lamentar. La xe un zentilomo de bon cuor, tagiao a la veneziana; ai so tempi la vien zoso co la molenteb, e mi per ela starave in poppe tre dì e tre notte senza magnar. Ma quela lustrissima de la parona, la me compatissa, no la gh’ha gnente de descrizion. La matina appena zorno la me fa parechiar. Presto, Menego, in poppe. Ande da la conzateste, fè che la vegna subito. Animo, andè a levar el miedego, che la parona gh’ha el mal de mare1. Cerche el barbier, che ghe vegna a meter un servizial. A mezza matina: Menego, in poppe. La parona in ziro per mezza Venezia. Dopo disnar in Piazza, e Menego co la barca a Reduto2. La sera a la commedia; se torna a casa a sett’ore; sona la mezza notte, ma el mezzo ducato no se usa.

Ottavio. Povero Catinelle, vi compatisco. Siete solo, e solo non potete supplire a tutto. Ditemi, non avete voi un figlio?

Menego. Lustrissimo sì.

Ottavio. Che mestiere gli fate fare?

Menego. Mi vogio ch’el fazza el mestier de so pare, ma elo nol gh’ha gnente de genio. Una volta ho provà a farlo star in poppe, e el xe andà in acqua a gambe levae.

Ottavio. Ma bisogna veder d’impiegarlo.

Menego. Se el se vol impiegar, mi ghe posso comprar un batelo e ch’el s’inzegna. Mi me sfadigo, e lu no vogio ch’el fazza el zentilomo. Chi lo vede, tutti i dise che a mi nol me somegia gnente; e ghe xe dei baroni che parla e che dise, se la m’intende. Ma dona Pasqua mia mugier, no ghe digo per dir, la xe sempre stada, in materia de ste cosse, sutila3 come l’ogioc.

  1. Quando sono pagato
  2. Uomo alla mano e generoso.
  3. Dilicatissima in cose d’onore.
  1. Mal di matrice, male isterico. V. Boerio.
  2. Il Ridotto veneziano.
  3. Bettin.: sottila.