Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/37


IL FRAPPATORE 31


Adesso anca eia la xe morta, e mio lustrissimo sior barba l’ha volesto che fazza sto viazo, acciò che impara el viver del mondo, perchè pò, co torno a casa, possa dir che son stà, che ho visto, e che possa contar quel che ho visto.

Brighella. L’è vegnù a Roma donca solamente per spasso, no1 per nissun interesse.

Tonino. Gh’averia un interessetto da far, se me capitasse.

Brighella. Cossa vorielo far?

Tonino. Per dirvela in confidenza, me voria maridar.

Brighella. A Venezia no l’ha trova nissun partido a proposito?

Tonino. Ve dirò; a Venezia me son prova a far l’amor, ma quelle galiotte de quelle putte no le fava altro che minchionarme. Gera deventà el barònzolo2 de tutti. E pò le Veneziane no le me piase. Ho sentio a dir che a Roma ghe xe de le belle Romane; e quel che stimo, le Romane i dise che le xe de ben cuor, e che le xe virtuose, e mi co me marido, voggio una muggier virtuosa.

Brighella. Virtuosa de musica?

Tonino. Ve par che un par mio abbia da tor una cantatrice? Voggio una vertuosa, figuremose, che la sia poetessa; perchè anca mi son poeta.

Brighella. La xe poeta? me ne rallegro. (Gh’ho un gusto matto co sto pandolo). (da sé)

Tonino. Gh’aveu gnente vu per le man?

Brighella. Cussi presto la vol pensar a sta cossa?

Tonino. Mi, se me capitasse, me mariderave anca adesso.

Brighella. De che condizion la voravela?

Tonino. Civil, da par mio.

Brighella. Se è lecito, de che condizion elo Vussignoria?

Tonino. Vussignoria. Coss’è sto Vussignoria? poderessi dir Vussustrissima. Mio lustrissimo sior padre gera uno che viveva d’intrada, e mia lustrissima siora madre gera una Cittadina3, cascada

  1. Savioli e Zatta: .
  2. Zimbello: v. Boerio.
  3. A Venezia i cittadini originari, che erano ammessi a fungere nelle cancellerìe della Repubblica, formavano quasi un secondo ordine di nobiltà, più umile, inscritta al libro d’argento.