Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/36

30 ATTO PRIMO

Brighella. La troverà delle fortune quante che la vol.

Ottavio. (È capitata l’amica? ) (piano a Brighella)

Brighella. (Sior sì. No sarà mezz’ora). (piano ad Ottavio)

Ottavio. (Dove si trova? ) (come sopra)

Brighella. (Nella camera della Stella). (come sopra)

Ottavio. Amico, fate cavare al signor Tonino gli stivali, e accompagnatelo nella sua camera, che or ora vengo.

Tonino. Caro sior Ottavio, no me lasse solo, per carità; a Roma no ghe son più stà, no son pratico, no so gnente.

Ottavio. Brighella v’informerà di tutto, e poi or ora sarò1 con voi. (parte)

SCENA VI.
Brighella e Tonino.

Brighella. Hala fatto bon viazo, signor?

Tonino. Oh che viazo cattivo! Son tutto rotto.

Brighella. La se comoda qua, la se metta a seder, fina che i omeni i dà una spazzadina alla camera, perchè l'è un pezzo che no gh’è sta nissun dentro. (gli dà una sedia)

Tonino. Se poderave per finezza, per grazia, per carità, cavarme sti maledetti stivali?

Brighella. No i ha nissun servitor con lori?

Tonino. A Venezia ghe n’aveva do. I xe vegnui con mi fina a Bologna, e pò sior Ottavio li ha licenziai.

Brighella. (Capisse. Sior Ottavio no voi zente che ghe dia suggizìon). (da sé) Adessadesso vegnirà qualcun dei mi omeni a servirla.

Tonino. Vardè se son un omo desfortunà. Xe tre dì e tre notte che nevega. Se rompe el calesse, no se pol vegnir avanti, bisogna andar in cavallo, e a mi m’ha tocca quello dalle stanghe, che m'ha fatto tanto insaccar, che me andava le buele fora del corpo.

Brighella. No l’era mai più stà a cavallo?

Tonino. Mai più. No son mai sta fora de Venezia. Mio lustrissimo sior padre m’ha tegnù in collegio fina a vinti do anni. Col xe morto, son sta sempre a casa co mia lustrissima siora madre.

  1. Savioli e Zatta: sono.