Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/277


L'UOMO PRUDENTE 269


le recchie e el naso. Questa xe la cagna che se credeva morta, ma no xe vero. Qualche accidente l’averà strasmortia, e l’umana ignoranza credendo sempre el mal, pensando sempre al pezo, ha fatto creder alla semplice de mia fia e al gnoco de Florindo, che la fusse morta, e morta de velen. (Il giudice ed il notaio osservano la cagna, e con cenni approvano esser quella) Mancando donca el corpo del delitto, manca tutte le presunzion. Ma come presumer mai se podeva che una mugier volesse velenar un mario, che un fio volesse velenar so pare? Una mugier per la qual ho abuo tanto amor e respetto, un fio per el qual ho abuo tanta tenerezza e passion? No, che no i xe capaci de un tradimento così crudel. Mia mugier xe el specchio de l’onestà; mio fio l’esempio de l’ubbidienza. El Ciel m’ha dà una mugier che no merito, un fio che me rende consolazion. La mia famegia xe sempre stada benedia dalla pase; la mia casa xe sempre stada l’abitazion dell’amor. Mai tra de nu no xe passa una cattiva parola; mai da sti do innocenti ho abuo un desgusto. Mia mugier attenta a assisterme con carità; mio fio impegna a servirme con fedeltà. Mi ho sempre procura de contentarli. I ho trattai no da marcante, ma da zentilomo; mai gh’ho fatto mancar, no dirò el so bisogno, ma quanto i saveva desiderar. Donca per che motivo se puol creder mai che i me volesse velenar? Quando se tratta de presumer un delitto, bisogna esaminar se ghe giera rason de commetterlo. Nè mi meritava da lori sta crudeltà, nè lori i giera capaci de concepirla. (Beatrice e Ottavio s’inteneriscono e piangono) La i varda in viso, sior giudice, per carità; la veda se quelle idee le xe capace de tradimenti. I pianze, poveretti, i pianze dal dolor de sentirse cussi a placitara; i pianze per el dolor del mario e d’un pare afflitto e appassionà, per veder una mugier innocente, un fio senza colpa, in figura de rei, ligai e presentai in fazza della Giustizia. No, cari, no pianzè passerà sto nuvolazzob che manazzac tempesta, tornerà el sol della nostra pase. Vegnì

  1. Placitar, accusar in pubblico.
  2. Nuvolazzo, nuvola pregna d’acqua
  3. Manazza, minaccia.