Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/276

268 ATTO TERZO

Notaio. (È vero, ma vi è sempre tempo). (al giudice)

Giudice. (Per lo più voi altri notai mettete il carro avanti i buoi). (al notaio) E bene, che intendete dire perciò? (a Pantalone)

Pantalone. Intendo de dir che se forma un processo ingiusto e desordenà. Che la falsa quarela dada contra mia mugier e mio fio, offende la reputazion de mi e della mia casa, e intendo che no se proceda più avanti.

Giudice. Voi pretendete troppo, signor Pantalone. L’accusa non si presume calunniosa, mentre l’accusatore è persona onesta.

Pantalone. Cossa me parlela de presunzion? In t’una causa de sta sorte ghe voi altro che presunzion. Fatti i vol esser, prove e testimoni: e siben che non son omo legal, no son però tanto indrio colle scritturea, che no sappia anca mi che in criminal prima de tutto s’ha da cercar el corpo del delitto. Dov’elo sto velen, che se dise parecchià per mi da mia mugier e mio fio? Dov’ela quella pignata, dove in vece del mio alimento bogivab la mia morte? Dov’è quel can che se crede che sia morto in vece mia e che m’abbia salva la vita colla so morte? Questi doverave esser i fondamenti della macchina de sto processo, e senza de questi la fabbrica no sta in piè, anzi la precipita e la se destruze. Ma za che se tratta de una causa che xe tutta mia, vogio mi supplir alle mancanze del fisco e vogio mi presentar in offizio quel corpo del delitto, che fin adesso no s’ha trovà. La favorissa, sior nodaro, de lezer la descrizion del can, che se dise morto in vece mia de velen.

Notaio. (Descrive un cane della tale statura, del tal colore, coi tali e tali contrassegni, come sarà stato veduto dagli spettatori.)

Pantalone. Sta cagna che no se trova, sto corpo de delitto che manca, el xe in te le mie man, lo gh’ho mi, e l’ho fatto portar qua per lume e disinganno della Giustizia. De qua. (chiama un suo servitore, da cui riceve la cagna viva) Eccola qua viva e sana; la confronta la statura, i colori, le macchie, i accidenti, el pelo,

  1. Tanto indrio colle scritture, esser ignorante.
  2. Bogiva, bolliva.