Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/271


L'UOMO PRUDENTE 263

SCENA XII.
Pantalone solo.

Come! i zaffia in casa! Beatrice ligada! mio fio in preson! Donca xe sta parlà. Donca se sa dalla giustizia quel che con tanto zelo procurava de sconder! Povera la mia reputazion! povera la mia casa! Adesso sì che scomenzo a perder la carta del navegar, e la bussola più no me serve. Perder la mugier no sarave gnente, anzi el sarave per mi un gran vadagno el perder una cossa cussi cattiva. Perder un fio sarave poco, perchè finalmente perderave un sicario, un traditor; dei bezzi no me importa: come che i xe vegnui, i poi andar, e el cielo che me li ha dai, me li poi anca tior. La vita poco la stimo. Ho vivesto abbastanza, e la morte de poco la me pol minchionar. Ah, l’onor xe quello che me sta sull’anema! L’onor xe quel tesoro che no gh’ha prezzo, che vive anca dopo la morte e che, perso una volta, se stenta a recuperar. Questa xe la gran perdita, che adesso me fa zavariarb. Questo in te le mie desgrazie xe el tormento più grando. Cossa dirà el mondo de mi? Come se parlerà della mia famegia? In che stima sarogio tegnù? Xe vero che mi no son complice dei delitti della mugier e del fio; ma el fio e la mugier le xe do persone tanto taccae al pare e al mario, che per forza bisogna che l’uno partecipa dell’onor e del disonor dei altri. Se mia mugier xe infamada, l’infamia casca sora de mi; se mio fio xe condannà, mi ho ha soffrir i desordeni della condanna. Cossa doncac hoggio da far? Viver in mezzo a tanti rossori? A un omo, che stima la reputazion, come mi, xe impossibile. Darme la morte colle mie man? Me tiorave el dolor, ma crescerave l’infamia della mia casa. Donca cossa ressolvio de far? Prudenza, che ti m’ha sempre assistio in te le mie disgrazie, no ti gh’ha gnente da suggerirme in t’un caso de tanta importanza? Ti me abbandoni sul più bello? Animo, adesso xe tempo de far cognosser al mondo che la

  1. Zaffi, birri.
  2. ’Zavariar, delirare.
  3. Donca, dunque.