Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/27


IL FRAPPATORE 21

ATTO PRIMO.
SCENA PRIMA.
Sala nella locanda dell’Aquila.
Eleonora e Colombina.

Colombina. Compatitemi, signora, se entro in un proposito in cui non ci dovrei entrare; ma l’amore, che ho concepito per la vostra persona, mi obbliga a farlo.

Eleonora. Cara Colombina, conosco che siete una buona giovine, e ho piacere nel trattenermi con voi. So che voi vorreste conoscermi, e che vi svelassi l’esser mio e le mie contingenze, ma questa è l’unica cosa, da cui vi prego di dispensarmi1.

Colombina. Non so che dire, mi avete prevenuto2 appunto di quello volea pregarvi. Sono sei giorni che alloggiate in questa

  1. Edd. Savioli e Zatta: vi prego dispensarmi.
  2. Zatta: prevenuta.