Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/250

242 ATTO SECONDO

SCENA XV.
Pantalone, poi Diana.

Pantalone. Sta carta, sta sottoscrizion carpida, so anca mi che no la pol impedir che mio fio se marida con chi el vol lu, ma spero che la servirà per metter delle disunion tra Ottavio e siora Diana; e a mi per adesso me basta cussì. Xe ben vero però che per aver el mio intento, sta volta no me son servio della prudenza, ma d’un scaltro ripiego, che me fa poco onor. Me vergogno d’averlo fatto, no la xe più da omo prudente, no la xe degna de mi, ma l’amor del pare qualche volta trasporta, e se se trova in certe occasion, dove abbandonandose alla passion, la prudenza non ha tempo de illuminar. No vorave che gnanca l’aria savesse el modo che ho tegnù, per carpir sta sottoscrizion. Me ne servirò con cautela; farò che mio fio no lo diga a nissun, perchè no vorave mai che qualchedun de quelli che me crede omo savio, tolesse in sto fatto esempio da mi, e imparasse a valerse della finzion, la qual in ogni tempo, in ogni occasion, deve esser aborrida, condannada, come l’aborrisso e la condanno anca mi.1

Diana. Signor Pantalone, veramente parrà strano ch’io venga in casa vostra a parlarvi di un affare che doveva essere diversamente trattato; ma la bontà che ieri ho scoperta in voi verso di me, e lo stato in cui presentemente mi trovo, mi obbligano a far questo passo.

Pantalone. Se la m’avesse degna d’un so comando, sarave vegnù fin a casa a servirla; ma za che la s’ha degnà de vegnirme a onorar, la parla pur liberamente, che me farò gloria de ubbidirla, per quanto se estenderà le mie forze.

Diana. Qui bisogna levarsi la maschera e svelare ogni arcano 2. Il

  1. Nelle edd. Bett., Sav. e Zatta, diversamente si legge il discorso di Pantalone: «Pant. Za t’ho capio; ma che la vegna, che la manderò via contenta. Sta carta, sta sottoscrizion carpida, so anca mi che no la pol impedir che mio fio se marida e me minchiona, ma spero che la servirà per metter delle dissension tra Ottavio e siora Diana. E a mi per adesso me basta cussì. El cielo favorisse la mia intenzion, perchè vegnindo sta patrona in casa mia, metto subito in opera il mio disegno.
  2. Queste parole sono fra parentesi nell’ed. Bettinelli.