Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/248

240 ATTO SECONDO

Ottavio. Non mi bastano, signor no, non mi bastano.

Pantalone. Via via, no me magnè se no i ve basta, cresceremo la dosa; ve ne darò dei altri. (Vôi chiaparlo colle bone), da sè)

Ottavio. Cospetto! cospetto! Come ho da far io nell’impegno in cui sono?

Pantalone. In che impegno seu? Via, se la xe cossa lecita, e che se possa, ve agiuterò mi.

Ottavio. Ho bisogno di cento doppie. Sono in impegno di prestarle ad un amico, e non posso far di meno.

Pantalone. O amigo, o amiga, o imprestar, o donar, le cento doppie ve le darò mi.

Ottavio. Eh, mi burlate voi.

Pantalone. Tanto xe vero che no ve burlo, quanto che in sto momento ve posso consolar. In sta borsa no gh’è cento doppie, ma ghe xe mille ducati, che ho parecchiai per dar a sior Florindo, mario de mia fia e vostro cugnà, a conto de dota; questi ve li dago a vu; servive delle cento doppie per supplir all’impegno, e del resto faremo i conti colle vostre mesate. Seu contento?

Ottavio. Contentissimo. (prende la borsa) (Che novità è questa? Mio padre vuol morire). da sè)

Pantalone. Cussi, come che te diseva, fio mio, ho manda to sorella co sior Fìorindo, cittadin de bona casa e de mediocre fortuna. Ghe dago sie mille ducati; mille subito, e cinque mille col me li averà segurai. Per i cinque mille bisogna che li prometta, e bisogna che anca ti ti te sottoscrivi, acciò, in caso della mia morte, no i possa dubitar che ghe manca la dota.

Ottavio. Ma io sono figlio di famiglia, come posso obbligarmi? Potreste emanciparmi, e allora...

Pantalone. Siben che son marcante, ghe ne so un puoco anca de legge. Quando el fio de famegia se obbliga alla presenza del pare, s’intende che el pare ghe daga facoltà de obligarse, e l’obligazion sussiste come se el fusse emancipà.

Ottavio. Farò come volete.

Pantalone. Olà. Da scriver. (servi portano tavolino, e da scrivere) Via,