Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/235


L'UOMO PRUDENTE 227

SCENA IV.
Pantalone solo.

Xe ora che vaga a liberar sti poveri presonieri. Ho slongà un pochetto la mia ora solita de levarme per la strachezza del viazo, e xe un poco tardi, e el sior Florindo me aspetterà con batticuor e paura. Dixe el proverbio: tutto el mal non vien per nuocer. El bravo chimico sa dal velen cavar l’antidoto, e l’omo politico sa dal mal cavar el ben. Cussì mi da un desordene spero cavar un ordene, e mandando mia fia, liberarme del mazor spin, che gh’abbia in ti occhi. Co ste do righe de scrittura che ho fatto, se concluderà el matrimonio tra sior Florindo e Rosaura, e co quest’altra spero de tirar mio fio a sposar la fia del sior Pancrazio, ricca de sessanta mile ducati. So che in quel pezzo de matto, incocalioa per siora Diana, troverò delle difficoltà, ma spero co sta alzadura d’inzegno tirarlo in rade, senza che el se n’accorza, e se non altro far che quella pettegola se desgusta. Scomenzemo da sti do desperai: ma prima voggio sentir Rosaura; veggio un poco che la me diga come xe andà el negozio de gersera, e come gh’intrava quel cagadonaob de sior Lelio. Rosaura, xestu levada? Xestu vestia? Vien fuora, che te voggio parlar. (apre colla chiave)

SCENA V.
Rosaura esce dalla camera, e detto.

Rosaura. Eccomi, signor padre, che mi comandate?

Pantalone. Fia mia, quel che xe sta, xe sta, e non te voggio rimproverar un fallo che podeva dir quindesec, ma che fursi te farà vadagnar la partia. Voggio da ti solamente saver come xe

  1. Incocalio, incantato.
  2. Cagadonao, disgraziato.
  3. Un fallo, che podeva dir quindese. Alludesi per metafora al gioco del pallon grosso, nel quale ogni fallo conta quindeci per gli avversari.