Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/213


L'UOMO PRUDENTE 205


mia quiete, ma più tosto me trovo circondà da tanti nemici, quanti xe quelli che magna el mio pan! Ma gnente: testa, giudizio e pazienza. Col tempo spero de superar tutte ste avversità, e far cognosser al mondo che la prudenza de l’omo supera ogni contraria fortuna.

SCENA VI.
Brighella e detto.

Brighella. Vien lento lento, senza parlare, meravigliandosi.)

Pantalone. Coss’è, cossa gh’astu? Perchè xestu cussi incocalioa? Cossa xe sta? Parla, gòmita, buta fuora.

Brighella. Che la siora Beatrice se devertissa in mezzo a do cicisbei, no me stupisso, perchè l’è l’ultima moda; che el sior Ottavio conduga i contrabandi in casa, no me fazzo maravegia, perchè l’è el solito de i fioi de famegia, quando che i pol; ma me stupisso, me maravegio, me strassecolo e me disumano, vedendo el sior Pantalon, che con tanta pausa, con tanta indifferenza e quiete d’animo, sopporta su i so occhi le insolenze de una mugier arrogante e de un fio desobbediente, e el permette che in casa soa se tira stoccae a tutt’andar a quell’onor, che con tanto zelo e premura l’ha procurà fin adesso de defender col scudo de la più delicata prudenza.

Pantalone. Caro Brighella, servitor fedel, e quasi fio b per el ben che te vogio, perchè fin da piccolo t’ho arlevà in casa mia, me piase el caldo, che ti te senti per el mio onor; lodo el to zelo e stimo la libertà co la qual ti me parli: con tutto questo però lassa che te diga, che siccome ti xe nassuoc omo ordenario, no ti xe capace de altro che de pensieri ordemari. Credistu Pantalon tanto orbo, che nol veda e nol cognssa? o lo credistu d’anemo tanto vil, che nol gh’abbia coraggio de far vendetta? Ti me cognossi pur. Ti sa pur chi son, e se so menar le man co bisogna, e se gh’ho stomego de cimen-

  1. Incocalio, reso stupido.
  2. Fio, figlio.
  3. Nassuo, nato.