Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/179


I DUE GEMELLI VENEZIANI 173

Dottore. Presto, Brighella, va a chiamare un medico.

Florindo. e inutile che cercate il medico, mentre il signor Zanetto è morto.

Dottore. È morto?

Brighella. Oh poveretto, l’è morto?

Colombina. Morto il povero signor Zanetto?

Rosaura. (di casa) Perdonate, signor padre, s’io vengo sopra la strada. Parmi di aver inteso che il signor Zanetto sia morto; è forse vero?

Dottore. Pur troppo è vero. Eccolo là, poverino.

Beatrice. Oimè! Che vedo? Morto il mio bene? Morta l’anima mia? (passando per la strada)

Arlecchino. Coss’è? Dormelo el sior Zanetto?

Brighella. Altro che dormir! L’è morto el povero sfortunado.

Arlecchino. Co l’è cussi, torno alle Valade de Bergamo.

Dottore. Facciamolo condurre nell’osteria: in mezzo alla strada non istà bene.

Rosaura. Ahi, che il dolore mi opprime il cuore.

Colombina. Poverina! siete vedova prima di essere maritata. (Ho quasi piacere che resti mortificata). (da sè)

Dottore. Brighella, fallo condurre nell’osteria, (accennando Zanetto)

Brighella. Animo, Arlecchin, dà una man a menarlo in casa. Quel zovene, fè anca vu el servizio de aiutarlo a portar. (al servitore di Beatrice)

Beatrice. Misera Beatrice! cosa sarà di me?

Florindo. Se è morto il vostro Tonino, potrò sperare nulla da voi? (a Beatrice, piano)

Beatrice. Vi odierò eternamente.

Arlecchino. Camerada, portelo pulito, acciò dopo che l’è morto, no ti ghe rompi la testa. (Arlecchino e il servitore portano Zanetto morto nell'osteria)

Rosaura. Mi sento strappar l’anima dal seno.

Beatrice. Chi mai sarà stato il perfido traditore?

Dottore. Come mai è accaduta la sua morte?

Florindo. Io dubito sia stato avvelenato.