Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/177


I DUE GEMELLI VENEZIANI 171

Zanetto. Gh’ave rason.

Pancrazio. Oh, quanto vogliam ridere con queste donne.

Zanetto. Tutte drio de mi. E mi gnente.

Pancrazio. Niente! Crudo come un leone.

Zanetto. Pianzerale?

Pancrazio. E come!

Zanetto. E mi gnente!

Pancrazio. Niente.

Zanetto. Bevo.

Pancrazio. Animo.

Zanetto. Alla vostra salute. (beve mezzo bicchiere di vino)

Pancrazio. (il colpo è fatto). (da sè, e parte)

SCENA XXIII.
Zanetto bevendo a sorso a sorso, poi Colombina.

Zanetto. Uh che roba! Uh che tossego! Uh che velen! Oh che fogo che me sento in tel stomego! Coss è sto negozio? No vôi bever altro. (mette il bicchiere in terra) Oh poveretto mi! Moro, moro, ma gnente. La polvere fa operazion. Se ho da veder le donne a spasemar, bisogna che sopporta. Me l’ha dito sior Pancrazio... ma... oimè... gh’ho troppo mal... me manca el fìà... no posso più... Se no avesse bevù, no beverave altro... Oh poveretto mi... un poco de acqua... acqua... acqua... Debotoa no ghe vedo più... me trema la terra sotto i pie... le gambe no me rezeb... oimè, el mio cuor... oimè, el mio cuor... Forti, Zanetto, forti, che le donne te correrà drio... e ti... ti le burlerà... oh che gusto!... no posso più star in pie... casco... moro... (cade in terra)

Colombina. (Esce di casa e vede Zanetto in terra) Cosa vedo! Il signor Zanetto in terra? Cos’è? Cos’è stato? Che cosa avete?

Zanetto. (Vardè... se xe vero... le donne me corre drio). (da sè)

  1. Deboto, or ora.
  2. No me reze, non mi reggono.