Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/170

164 ATTO TERZO

Tonino. Bravo! Vu savè tutto, se un omo de garbo. (Adesso capisso el negozio). (da sè)

Brighella. La me diga, cara ella, e la perdona della curiosità. Hala mai savesto gnente de so sorella?

Tonino. Mai. Ah, savè anca vu che la s’ha perso?

Brighella. Siguro. Quante volte me l’ha dito la bona memoria de so sior pare.

Tonino. Ma! No gh’è altro; mentre che mio pare la mandava a Bergamo, la s’ha smario, e no se sa come.

Brighella. Cossa vorla far? Una dota de manco. Se no la me comanda gnente, vago in casa, perchè se i me vede a parlar con ella, i me dirà roba. A bon reverirla. (entra in casa)

SCENA XIX.
Tonino, poi Colombina di casa.

Tonino. Schiavo, amigo. Vardè quando che i dise dei accidenti del mondo! Se pol dar? Mio fradello xe in Verona, e no se semo visti1. Uno xe tolto per l’altro, e nasce mille imbrogi in t’un zorno. Adesso intendo el negozio delle zogie e dei bezzi; quell’Arlecchin sarà servitor de mio fradello, e quella roba doveva esser soa. Se saveva che i giera de mio fradello, no ghe li dava indrio. Quanto che pagherave de veder sto mio fradello! Ma basta, anderò tanto zirando, fina che el troverò.

Colombina. Sentite quella pettegola di Rosaura, come parla male del signor Zanetto; mi viene una rabbia, che non la posso soffrire.

Tonino. Coss’è, fia, che ve vedo cussi scalmanada? Coss’è sta?

Colombina. Se sapeste, signore, mi riscaldo per causa vostra.

Tonino. Per causa mia? Ve son ben obbliga: mo perchè motivo?

Colombina. Perchè quella presuntuosa di Rosaura, credendo di essere una gran signora, tratta tutti male.

  1. Sav. e Zatta: mai visti.