Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/168

162 ATTO TERZO

SCENA XVI.
Tonino, poi Beatrice col servo.

Tonino. (Senza parlare guarda la finestra, poi raccoglie i pezzi della sua scrittura, che sono in terra.)

Beatrice. (Con un foglio in mano) L’ho alfin ritrovata questa scellerata scrittura. Eccola, indegno, eccola, traditore: mirala, e vedi quanto conto ne faccio. (la fa in pezzi e la getta in terra) Così potessi squarciar quel petto, nido d’infedeltà. (parte col servo)

SCENA XVII.
Tonino solo.

(Leva di terra i pezzi dell'altra scrittura, ed unendo questi e quelli, confronta le parole ed i caratteri, poi dice come segue) Coss è sto negozio? Coss’è sto imbrogio? sta novità? Do donne me strassa la scrittura in fazza? Mi a Rosaura no so d’aver fatto scrittura, a Beatrice no so d’aver mancà de fede. O le xe tutte matte, o qualche equivoco ghe xe certo. Vedemo un poco cossa dise ste do scritture, (guarda quella di Beatrice, uniti i pezzi raccolti da terra) Prometto... alla signora Beatrice ecc. Io Antonio Bisognosi. Questa va ben. Cossa dise st’altra? Colla presente scrittura... ecc. resta concluso... matrimonio tra l’onesta... fanciulla... la signora Rosaura Balanzoni... ed il signor Zanetto Bisognosi... Come! Questa xe una scrittura falsa, mi no so Zanetto. Andemo avanti. Vedemo quando la xe stada fatta. Valle Brambana1 in Bergamasca. Addi 14 gennaro 1746. In Bergamasca? Coss’è sto negozio? Chi l’ha sottoscritta? Zanetto Bisognosi, mano propria. Xe vero che qua i me crede Zanetto, ma nissun s’averà tolto la libertà de sottoscriver per mi. No l’è mio carattere. Donca cossa sarà? Sto Zanetto Bisognosi saravelo mai mio fradello, che sta in t’una delle Valae de Bergamo? Se poderia dar; e chi sa che nol sia a Verona,

  1. Così le edizioni goldoniane del Settecento, invece di Brembana.