Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/164

158 ATTO TERZO


dell’acqua. Smanio, deliro per vegnirme1 a buttar in san: se no la me agiuta, se no la me dà una man, darò un crepoa davanti ai so occhi: cascherò sbasìob su sta porta, per lassarme cusinar2 in tel fogo della so crudeltae.

Rosaura. Che spiritosi concetti! Fatemi sentir qualch’altra bella cosa.

Zanetto. Cossa vorla sentir, a star ella là suso e mi qua? Se la vol sentir qualcossa de bello, o la vegna zoso, o la lassa che vegna suso, che me impegno de farme onor.

Rosaura. Ma non potete farvi onore anche in qualche distanza?

Zanetto. Oh, la me perdona. Mi lontan no so far gnente.

Rosaura. Ma che fareste se foste vicino?

Zanetto. Farave... farave... a dirlo me vergogno. Se la se contenta, gh’el canterò in t’una canzonetta.

Rosaura. L’ascolterò molto volentieri.

Zanetto.Se mi ve fusse arente, (canta)

     Mio caro bel visin,
     Voria da quel bochin
     Robar qualcossa3.
Se fusse dove sè,
     Voria... se m’intendè,
     Ma el diavolo no vol
     Che far lo possa.
Se fusse in vicinanza
     De vu, caro mio ben,
     Voria da quel bel sen
     Qualche ristoro.
Za so che me capì.
     Voria... disè de sì.
     Lasse che vegna su,
     Se no mi moro.

  1. Un crepo, uno scoppio.
  2. Sbasio, morto.
  1. Così Sav. e Zatta; Paper.: vegnirmeghe.
  2. Cusinar, cuocere.
  3. Ciò che segue della canzonetta, manca in qualche edizione.