Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/161


I DUE GEMELLI VENEZIANI 155

Brighella. Ecco qua el signor Zanetto.

Pancrazio. Come! potete voi negare d’avermi date quelle gioje colle vostre mani? (a Tonino)

Tonino. Sior sì, xe vero: ve le ho dae mi.

Pancrazio. Sentite? Lo confessa. Ditelo al signor giudice.

Tonino. Cossa gh’entra el signor giudice?

Pancrazio. Bella cosa che avete fatto! Mettere a repentaglio la mia riputazione.

Tonino. (Stè a veder, che s’ha trovà el patron delle zogie). (da sè) Credeveli fursi che le avessi sgranfignae1)? (a Pancrazio)

Pancrazio. Pur troppo lo credevano. E voi ne foste la cagione.

Tonino. Caro sior, mi ho fatto a fin de ben.

Pancrazio. O a fin di bene, o a fin di male, voi mi avete precipitato.

SCENA IX.
Arlecchino e detti.

Arlecchino. Manco mal che son vegnù fora de caponera2.

Tonino. Ecco qua quello che m’ha dà le zogie.

Arlecchino. Chi ve l’ha dae le zogie?

Tonino. Vu me l’ave dae.

Arlecchino. E anca i bezzi?

Tonino. E anca i bezzi.

Arlecchino. E pò disevi che no giera vero? Gh’ave un mustazzo, che negheressi un pasto a un osto.

Tonino. Me maraveggio. No son capace de negar gnente a nissun. Per forza m’ave dà quelle zogie e sti bezzi. Per forza i ho tolti3. Son galantomo, no gh’ho bisogno de nissun, e se gh’avesse bisogno, moriria più tosto dalla necessità, che far un’azion

  1. Sgranfignae, rubate.
  2. Caponera, gabbione in cui si nutriscono i capponi. Per metafora, prigione.
  3. Savioli e Zatta: tiolti.