Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/158

152 ATTO TERZO


sul vivo; ma non importa. Noi altri birri abbiamo buono stomaco e sappiamo digerire i rimproveri, come lo struzzo digerisce il ferro. (parte)

SCENA VI.
Tonino solo.

Vardè quando che i dise dell’amicizia del dì d’ancuo1. Florindo xe sta a Venezia; l’ho trattà come un proprio fradello. Me fido de lu, ghe mando una donna che tanto me preme, e lu me tradisse! Mi no so con che stomego un amigo possa ingannar l’altro amigo. Me par a mi, che se fusse capace de tanta iniquità, gh’averia paura che la terra s’averzisse per ingiottirme. L’amicizia xe la più sagra leze2 del mondo. Leze che provien dalla natura medesima, leze che regola tutto el mondo, leze che distrutta e annichilada, butta sottosora ogni cossa. L’amor delle donne el xe fonda sulla passion del senso inferior. L’amor della roba el xe fonda sul vizio della natura corrotta. L’amor dell’amicizia xe fonda sulla vera virtù; e pur el mondo ghe ne fa cussì poco conto. Pilade3 e Oreste no serve più d’esempio ai amici moderni. El fido Acate xe un nome ridicolo al dì d’ancuo. Se adora l’idolo dell’interesse; in liogo de amici se trova una manizadaa de adulatori, che ve segonda fina che i gh’ha speranza de recavarne profitto; ma se la sorte ve rebaltab, i ve lassa, i ve abbandona, i ve deride e i paga d’ingratitudine i benefizi che gh’ave fatto; come dise benissimo missier Ovidio:

Tempore felici, multi numerantur amici:
Si fortuna perit, nullus amicus erit.

  1. Manizada, ammasso
  2. Ve rebalta, vi rovescia.
  1. Del dì d’ancuo, del giorno d’oggi.
  2. Così Savioli e Zatta; Paperini: lege.
  3. Così corregge Fantino-Olzati: Paper. stampò Palade; Savioli e Zatta: Pallade.