Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/145


I DUE GEMELLI VENEZIANI 139

SCENA XIII.
Strada solita con osteria.
Arlecchino dall’osteria, poi Zanetto dalla medesima.

Arlecchino. Me maraveio, son galantomo: le zogie e i bezzi ve li no dadi mi. (alla porta, altercando con Zanella)

Zanetto. No xe vero gnente. Ti xe un furbazzo, no gh’ho abuo gnente. (di dentro)

Arlecchino. Ve ne mentì per la gola e per el gargato1.

Zanetto. Ti è un ladro, ti è un sassin. Voggio le mie zogie. (vien fuori)

Arlecchino. Le zogie ve digo che l’avi avude.

Zanetto. Can, traditor, le mie zogie, i mi bezzi, la mia roba.

Arlecchino. Sè un pezzo de matto.

Zanetto. Ti m’ha robà, ti m’ha sassinà.

Arlecchino. Adessadesso ve trago una sassada.

SCENA XIV.
Bargello coi birri, e detti.

Bargello. Coss’è questo strepito? Chi è il ladro? Chi ha rubato?

Zanetto. Colù che xe là, l’è el mio servitor. El m’ha portà da Bergamo un bauletto de zogie e dei bezzi, e el m’ha roba tutto, el m’ha sassinà.

Arlecchino. Non è vero gnente, son galantomo.

Bargello. Legatelo e conducetelo in prigione. (ai birri, quali legano Arlecchino)

Arlecchino. Son innocente.

Bargello. Se sarete innocente, uscirete di carcere senza difficoltà.

Arlecchino. E intanto ho da andar preson?

Bargello. E intanto andate, e non vi fate strapazzare.

Arlecchino. Sia maledetto! Per causa toa, mamalucco, ignorante! ma se vegno fora, ti me la pagherà. (parte coi birri, che lo conducono via)

  1. Gargato, gozzo.