Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/143


I DUE GEMELLI VENEZIANI 137


matrimonio xe bon per i boni e cattivo per i cattivi, e concludo coi versi d’un poeta venezian:

          El matrimonio è cossa da prudente,
          Ma bisogna saverse regolar;
          E quel che desconsegia el mandar,
          O l’è vecchio, o l’è matto, o l’è impotente.

Pancrazio. (Costui non mi pare lo sciocco di prima). (da sé) Non vi rammentate che la donna è un’incantatrice sirena, che alletta per ingannare ed ama per interesse?

Tonino. Vedeu? Anca qua, compatime, sbarè delle panchianea. Le donne no le se mesura tutte con un brazzolarb. Ghe ne xe tante de cattive, ma ghe ne xe molto più de bone, come se poi dir anca dei omeni. Le donne incanta? No xe vero gnente. Aveu mai visto la cazza che fa el rospo al russignol? Lu no fa altro che metterse in t’un fosso co la bocca averta. Passa el rossignol, el s’innamora della gola del rospo, el zira, el rezira, e da so posta el se va a far imbocconar. La colpa de chi xela? Del rospo o del rossignol? Cussì femo nu. Vederne una donna, ghe demo drio; se lassemo incantar. De chi xela la colpa? Nostra; le donne no le poderave gnente sora de nu, se nu no ziressimo attorno de elle; e se le acquista co nu tanta superiorità, xe causa la nostra debolezza, che incensandole troppo, le fa diventar superbe.

Pancrazio. (Ho inteso! costui non fa per me). (da sè) Signor Zanetto, non so che dire; se volete la signora Rosaura, pigliatela, ma pensateci bene.

Tonino. Mi non ho dito de volerla. Ho parlà in favor del matrimonio, ma non ho dito de volerme maridar. Ho parlà in favor delle donne, ma non ho dito ben de Rosaura. No so se la sia carne o pesce. Me par e no me par: gh’ho i mi reverenti dubbi: vu m’ave messo in mazor sospetto, onde ressolvo de no voler far gnente.

  1. Sbarè delle panchiane, dite delle bugie.
  2. Brazzolar, misura di braccio.