Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/139


I DUE GEMELLI VENEZIANI 133

Tonino. Recusandole co sta bella virtù1, la le merita più che mai. La xe una zovene de garbo, e xe pecca che la gh’abbia un pare cussì scellerato.

Rosaura. Che ha fatto di male il mio genitore?

Tonino. Ghe par poco? Introdur un omo in casa de so fia co sta polegana2, e metterla in cimento de precipitar!

Rosaura. Ma egli l’ha fatto, perchè siate3 mio sposo.

Tonino. Me maraveggio, no xe vero gnente. No avemo mai parla de sta sorte de negozi.

Rosaura. Ma non ne avete trattato per lettera?

Tonino. Siora no, no xe vero gnente. El se l’insonia, el ghe lo dà da intender. El xe un poco de bon, perchè el sa che gh’ho un poco de bezzi, el m’ha tolto de mira, e el se serve della so bellezza per un disonesto profitto.

Rosaura. Signor Zanetto, voi parlate male.

Tonino. Pur troppo digo la verità. Ma la senta: vedo che ella merita tutto, e per la so bellezza e per la so onestà; no la se dubita gnente. La staga forte, la me voggia ben, e forsi col tempo la sarà mia mugger.

Rosaura. Io resto molto mortificata per un tal accidente. Senza la speranza che foste mio sposo, non avrei avuto il coraggio di mirarvi in faccia. Se mio padre m’inganna, il cielo glielo perdoni. Se voi mi schernite, siete troppo crudele. Pensateci bene, e in ogni caso rammentate ch’io vi amo, ma coll’amore più onesto e il più onorato del mondo. (parte)

SCENA XI.
Tonino, poi Brighella.

Tonino. Chi ha mai visto una fia più modesta de un pare più scellerato? Matrimonio? Tonin, forti in gambe. Co l’è fatta, l’è fatta. E pur custia4 me bisega in tel cuor 5. Ma, e Bea-

  1. Polegana, arte fina, disinvoltura.or
  2. Bettin.: vertù.
  3. Sav. e Zatta: siete.
  4. Custia, costei.or
  5. Me bisega in tel cuor, mi va a genio.