Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/135


I DUE GEMELLI VENEZIANI 129

SCENA X.
Tonino, poi Rosaura.

Tonino. Che diavolo dise costù? O che l’è matto, o che qualcossa ghe xe sotto.

Rosaura. Serva, signor Zanetto; compatisca se l’ho fatto aspettare.

Tonino. Eh gnente, patrona, me maraveggio. (Oh che tòcco! oh che babioa!) (da sè)

Rosaura. (Mi guarda a mezz’aria. Sarà in collera per lo schiaffo). (da sè)

Tonino. (Stago a Verona. No vago più via). (da sè)

Rosaura. Perdoni, se l’ho incomodata.

Tonino. Gnente, gnente, patrona; anzi me posso chiamar fortuna, che la m’abbia fatto degno dell’onor della so compagnia.

Rosaura. (Quest’insolito complimento mi fa creder ch’ei mi derida. Bisogna placarlo e secondar il suo umore). (da sè)

Tonino. (E pur all’aria la par modesta). (da sè)

Rosaura. È stato mio padre, che mi ha obbligata a farla1 venir in casa.

Tonino. E se no giera so sior pare, no la me chiamava?

Rosaura. Io certamente non avrei avuto tanto ardire.

Tonino. (Vardè quando i dise dei pari, che precipita le fie!) (da sè) Donca per mi no la gh’ha nissuna inclinazion?

Rosaura. Anzi ho tutta la stima per voi.

Tonino. Tutta so bontà. Possio sperar i effetti della so bona grazia?

Rosaura. Potete sperar tutto, se mio padre così dispone.

Tonino. (Poveretta! la me fa peccà. El pare2 ghe dà la spenta, e ela zoso). (da sè) Ma la prego, in grazia, no so se la me intenda. Come avemio da contegnirse?

Rosaura. Circa a che?

Tonino. Circa alla nostra corrispondenza?

Rosaura. Parlatene con mio padre.

  1. Babio, viso, frase burlesca.
  1. Zatta: farlo.
  2. Le edd. Sav. e Zatta sopprimono il periodo: El pare ecc. zoso.