Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/133


I DUE GEMELLI VENEZIANI 127

Zanetto. Andemo a veder.

Arlecchino. Andemo.

Zanetto. Gh’astua la chiave?

Arlecchino. De cossa?

Zanetto. Della camera.

Arlecchino. Mi no.

Zanetto. Mo ti lassi cussi i bezzi e le zogie?

Arlecchino. Ma dov’eli i bezzi e le zogie?

Zanetto. Dove xeli?

Arlecchino. Oh bella!

Zanetto. Oh bona!

Arlecchino. Ma no v’ho dà a vu i bezzi e le zogie?

Zanetto. Mi no gh’ho abùb gnente.

Arlecchino. (L’è matt in conscienza mia). (da sè)

Zanetto. Ma dov’eie le zogie de mio sior barba1? Le hastu portae?

Arlecchino. Le ho portae.

Zanetto. Ma2 dove xele?

Arlecchino. Caro vu, andemo drento, che debotto me scampa la pazenzia3).

Zanetto. Mo via, subito ti va in collera. Le sarà de su in camera.

Arlecchino. Le sarà de su in camera.

Zanetto. Mo va là, che ti xe un gran alocco! (entra nell’osteria)

Arlecchino. Ande là, che sè un gran omo de garbo! (entra anche lui4)

SCENA VIII.
Colombina sulla porta.

Arlecchino, dove siete? Oh questa è graziosa! Se n’è andato. Bell’amore che ha egli per me! Ma dove sarà andato? Basta, se vorrà, tornerà; e se non torna, a una ragazza come son io, non mancheranno mariti. (entra in casa)

  1. Gastu, hai tu.
  2. Barba, zio.
  1. Bettin.: bu; Savioli e Zatta: buo.
  2. Bettin.: Mo.
  3. Bettin.: pazienza; Paper.: pazienzia.
  4. Bettin.: anche egli.