Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/132

126 ATTO SECONDO

SCENA VII.
Arlecchino, Colombina di dentro, poi Zanetto.

Arlecchino. Fortuna, te rengrazio. Mo l’è molt bella! Mo l’è una gran bella cossa! Altro che Lugrezia Romana! Se Lugrezia Romana ha piass a Sesto, questa la saria capaze1 de dar soddisfazion anca al settimo.

Colombina. Arlecchino, venite, venite, che la padrona se ne contenta. (di dentro)

Arlecchino. Vegno, cara, vegno. (fa per entrare in casa, e Zanetto sulla parte opposta lo vede per di dietro.)

Zanetto. Oe2! Arlecchin, Arlecchin. (lo chiama)

Arlecchino. Sior. (si volta)

Zanetto. Quando?

Arlecchino. Come?

Zanetto. Ti qua?

Arlecchino. Vu qua?

Zanetto. Seguro.

Arlecchino. Ma no sé in casa?

Zanetto. Dove?

Arlecchino. Dell’amiga? (accenna la casa di Rosaura)

Zanetto. Oibò.

Arlecchino. (Donca culia m’ha burlà). (da sé)

Zanetto. Dov’è la roba?

Arlecchino. Oh bella! all’osteria3.

Zanetto. Dove?

Arlecchino. Che mamalucco! Là, alle do Torre4.

Zanetto. Gh’è tutto?

Arlecchino. Tutto.

Zanetto. I bezzi e le zogie?

Arlecchino. (Noi gh’ha gnente de memoria).(da sé) I bezzi e le zogie.

  1. Bettin.: capace.
  2. Oe.! ehi!
  3. Savioli e Zatta: ostaria.
  4. Le due Torri, antico e noto albergo di Verona.