Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/126

120 ATTO SECONDO

Tonino. In quell’osteria.

Arlecchino. Che porta la valise là drente?

Tonino. Sì, portela pur, za che volè cussi.

Arlecchino. Ma no me cognossì?

Tonino. No ve cognosso.

Arlecchino. Puh! Mamalucco maledetto. Vagh in te l’osteria. Porto in camera la valise, vegnirè a dormir, e quand averi digerida la cotta, me cognosserì. (prende la valigia e il tabarro1, ed entra nell’osteria)

SCENA III.
Tonino, poi Colombina.

Tonino. Questo el xe un bell’accidente. Un bauletto de zogie, una borsa de bezzi per qualchedun i saria a proposito: ma mi son un omo de onor, son un galantomo, e no voggio la roba de nissun. Colù xe un matto. Sa el cielo come ghe xe capità sto scrigno e sta borsa in te le man. Se no la tegniva mi, el l’averave dada a qualche baron. Mi custodirò l’un e l’altra: e se saverò chi abbia perso sta roba, ghe la restituirò con tutta pontualità.

Colombina. Serva, signor Zanetto.

Tonino. A mi?

Colombina. Sì, a lei. Non è lei2 il signor Zanetto Bisognosi?

Tonino. Son mi, per servirla. (Manco mal che la me cognosse per Zanetto). (da aè)

Colombina. Se si compiace, la mia padrona gli3 vorrebbe parlare.

Tonino. (Ho inteso. Solite avventure dei forestieri), (da sè) Volentiera: co no volè altro, ve servirò.

Colombina. Uh che belle gioje, che ha il signor Zanetto!

Tonino. (Ah ah, adesso capisso megio. Dal balcon l’ha visto le zogie, e la m’ha manda l’ambassada). (da sè4)

Colombina. Sicuro: m’immagino che saranno destinate per la signora Rosaura.

  1. Bettin.: mantello.
  2. Bettin.: ella.
  3. Bettin.: le.
  4. Nell’ed. bettinelliana Tonino aggiunge: Cossa diseu? No sele belle ste zogie?