Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/124

118 ATTO SECONDO

Arlecchino. Mi no so dove mai sia allozado quell’alocco del mio patron. Dim, caro ti, cognosset ti el sior Zanetto Bisognosi?

Facchino. Non lo conosco, non so chi sia.

Arlecchino. Mo l’è el mio patron. L’è vegnù da Bergam a Verona per maridarse; lu l’ha da lor la patrona e mi ho da tor la serva, per mantegnir el capital in casa. Lu l’è vegnù avanti de mi: mi son qua colla roba: ma no so dove el sia allozado, e no so come far a trovarlo.

Facchino. Quando non sapete più di così, Verona è grande; durerete fatica a ritrovarlo.

Arlecchino. Fortuna, te ringrazio. Zitto, che l’è qua che el vien. Retiremose in disparte: ghe vôi far una burla: vôi veder se el me cognosse.

Facchino. È troppa libertà scherzar col padrone.

Arlecchino. Eh, tra lu e mi semo amici: andemo, che me vôi tor un poco de spasso.

Facchino. Ma spicciatevi, che non ho tempo da perdere.

Arlecchino. Va là, che te pagherò. (si ritirano)

SCENA II.
Tonino e detti, ritirati.

Tonino. Gran cossa che no possa saver gnente de Beatrice! Pussibile che la m’abbia impiantà, che la m’abbia tradio?

Arlecchino. (Intabarrato1 con caricatura passeggia avanti Tonino, da lui creduto Zanetto).

Tonino. (Coss’è sto negozio? Costù cossa vorlo dai fatti mii?) (da sé)

Arlecchino. (Torna a ripassare acanti a Tonino, con aria brusca e minaccevole.)

Tonino. (Ch’el fusse qualche sicario mandà a Verona da quello del schiaffo?) (da sé)

Arlecchino. (Ripassa, battendo i piedi.)

Tonino. Coss’è, sior, cossa voleu? Chi seu?

  1. Bettin.: Turato.