Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/123


I DUE GEMELLI VENEZIANI 117

ATTO SECONDO.
SCENA PRIMA.
Strada. Da una parte la casa del Dottore, dall’altra osteria con insegna.
Arlecchino da viaggio, con un Facchino che porta
una valigia ed un ferraiuolo1.

Arlecchino. Finalmente semo arrivadi alla bella città di Verona, dove Cupido ha scoccà quella frezza che m’ha ferido el cor, senza che veda l’arco. Dove posso2 dir d’esser innamorà in una che non ho mai visto; dove ho da sposar una donna che no cognosso.

Facchino. Vorrei che ci sbrigassimo, perchè ho altri impegni, e voglio andarmi a guadagnare il pane.

  1. Bettinelli ha invece: e un mantello.
  2. Bettin.: poss’.