Pagina:Goethe - Werther, 1873, trad. Ceroni.djvu/168

162 werther.

L’apparenza ti fa certo traviare il criterio. Ti basterebbe l’animo di gridare debole un popolo, che insanguinato dal pungolo del tiranno leva finalmente il capo d’in su le maglie, e rompe il ceppo che gl’incatena la gola? L’uomo, che nel terrore dell’incendio con disperato sforzo si carica di pesi le spalle, che appena varrebbe a smuovere in circostanze ordinarie; l’uomo, che inferocito da un’ingiuria di sangue affronta le forze di sei uomini uniti e li disperde — è gente da chiamarsi debole codesta? E se il saper raccogliere le proprie forze è gagliardia, perchè sarà fiacchezza il tenderle ad un conato estremo?»

Alberto mi guardò e disse: «Non t’adontare, ma gli esempi che tu