Pagina:Gli sposi promessi IV.djvu/93


CAPITOLO IV - TOMO IV. 683 stanco si sdrajasse per riposare, il mendico che per città si accostava altrui, tendendo la mano, colui che inavverten- temente toccasse la parete d’una casa, 1 l’affrettato che urtas¬se2 altri pervia, erano untori:* al terribile grido d’accusa accorrevano quanti avevan potuto udirlo: l’infelice era op¬presso, straziato,4 talvolta morto dalle percosse,& o, strasci¬nato alle carceri tra gli urli e sotto le battiture, benediceva 6 nel suo cuore affranto quelle porte, e vi entrava come dalla tempesta nel porto.7 E quante volte saranno accorsi alle grida, avranno partecipato al furore comune di quegli stessi, che più tardi poi dovevano esser vittime d’un simile furore ! Cosi l’irreligione esacerbava 8 la sciagura, che una ap¬plicazione falsa ed arbitraria della religione aveva estesa ed accresciuta. Dico l’irreligione, perché se l’ignoranza e la falsa scienza delle cose fisiche,9 e tutte le altre cagioni di cui abbiamo10 parlato di sopra, poterono far ricevere comune-mente l'opinione astratta di unzioni e di congiure, furono certamente le disposizioni anti-cristiane di 11 quel popolo cor¬rotto che rendettero12 quella opinione attiva,13 e feroce nell'ap¬plicazione. 14 Nessuna ignoranza avrebbe bastato a cosi or¬rendi effetti, quando fosse stata congiunta con ,r’quel senti-mento pio, che i6 dispone gli animi alla tranquillità ed alla ri¬flessione, che 17 avverte 18 a pensar di nuovo, quando 19 il pen¬siero*0 diventa un giudizio, una azione su le persone; se fosse stata insomma congiunta con quellacarità, che è paziente, be¬nigna, che non si irrita, che non pensa il male, che tutto soffre. Ma 21 l’intolleranza della sventura,22 la disistima e l’oblio delle speranze superiori a tutte le sventure del tempo l’orrore pusillanime e furioso della morte,23 erano le cagioni24 che mantenevano negli animi una irritazione 25 avida di sfogo 1 colui che chiedendo il passo — 2 per via — 3 al grido [del prim] del primo accusatore — 4 le più — r’ [o condo] o strascinato nelle [carc | alle] carceri, nelle quali egli entrava [que | quegli ch’erano] quegli che strascinati alle carceri (lacuna) — quelle porte in cuor suo — 7 [E chi sa quanti che] E tale forse [avrà] sarà accorso alle grida, tale avrà — 8 [la sciagura] coi delitti una sciagura — 9 le abi¬tudini di crudeltà — 10 sopra — 11 quella generazione corrotta che la rendettero cosi — ,2 cosi — 13 attiva — ,4 Nessun [graj grado d’ — '** un — 18 Variante prepara — 17 forza — 18 di — si tratta di — 20 (diventa | può influire] diventa un giudizio, su le persone; — 21 l'in-sofferenza — 22 ma la noncuranza delle — 2:‘ [erano queste cagioni] erano que — 24 portavano e — 21 che

384