Pagina:Gli sposi promessi IV.djvu/9


i vi _ 2 una buona volontà, un desiderio — :{ In mezzo ad una tanta confusione di guaj, e ad una tanta scarsezza d’ajuti — ‘ scarsezza — •* vedeva — 0 di tempo in tempo — 7 apparire — s largo — ' una carità sovrabbontante, e [la sollecitudine] una sollecitudine ragionata e ingegnosa. [Due sacerdoti] 11 nostro Federigo oltre i soccorsi le elemosine in vitto e in danaro chc faceva distribuire alla sua casa e alle case dei poverelli (il Tadino afferma che vi si dava [una] a due mila poveri [una scodella grande | di ri | di riso] una capace sco¬della di riso) aveva pensato a mandare attorno sacerdoti che [des¬sero I manifestassero ai poveri sfiniti per le] pigliassero cura dei po¬veri sfiniti per le vie. [1 sacerdoti dai lui deputati a questo erano sei, e giravano a coppia.] Aveva deputate tre copie di sacerdoti, [ej ad ognuna delle quali [era] aveva assegnato un quartiere della citta tripartita. — 10 a profondere — 11 faceva — 12 si dava a due mila po¬veri una _ 13 i] sollecito — 14 sacerdoti — ,5 Per quanto e detto qui e nel periodo seguente, si veda la nota 1? a pagina 397. — " aveva — 17 potente tutto ciò [che potesse confortare e nutrir | ed all | tutto ciò] che può [servirei dare ristoro ai languenti d’inedia. Eran0 pure questi provveduti per — 18 distribuivano — ! ' abbattuto dal¬l’inedia — 20 dall'inedia — 21 Variante inveterata — 22 leggieri