Pagina:Gli sposi promessi IV.djvu/77


CAPITOLO IV - TOMO IV 667 vano un criterio publico falso, corrivo, ed avventato. Con¬tribuivano certe tradizioni confuse, ma ridette con asseve¬ranza fra il popolo, di simili 1 trame scoperte nella peste del 1576, e in altri tempi d’eguale sciagura. Contribuivano le stolte, e ancor più inescusabili erudizioni di molti dotti d’al- l’ora, che andavano a pescare nelle storie, e in narrazio¬ni ancor più favolose,2 propagate con sortilegi, e.con veleni, o come dicevano manofatte : materia pur troppo 3 abbondante ; giacché da quella peste, che, al dir di Tucidide, gli Ateniesi supponevano cagionata da veleni gettati nei lóro pozzi dai Peloponesj, fino alla peste di Roma, che "nel consolato di P. Cornelio Cetego, e di M. Bebio Tamfilo, cominciò, al dir di Livio, da un pianto del simulacro di Giunone Laci¬nia in Lanuvio, e da altri simili avvenimenti, non vi fu pe¬ste, quasi fino ai nostri giorni, della quale, il popolo che la pativa-, non desse cagione in gran parte a frodi umane, o a prodigj superstiziosi. Ma quello che * fissò ad un punto d’errore questa vagabonda ed inquieta credulità, fu una let¬tera sottoscritta dal re D. Filippo Quarto, spedita fino dal¬l’anno antecedente al Marchese Ambrogio Spinola, 1 nome ancor celebre6 per le spedizioni di Fiandra,7 che era stato surrogato al Cordova nel governo di Milano. In quella let¬tera 8 si dava avviso al governatore che 0 quattro Francesi, sorpresi nell’atto di 10 spargere unguenti “ pestiferi nella Corte di Madrid, erano sfuggiti, né dove si sapeva: dovesse egli quindi stare all’erta se mai fossero capitati a Milano. Al primo divolgarsi IS di quell’avviso non vi si badò più che tanto :13 ma il contagio, che nelle credule menti, era stato associato alla idea di quelle unzioni come un effetto di esse, comparendo ora realmente, risvegliò tosto “ la ricordanza della sua immaginata cagione: l’idea di unzioni venefiche, 1 misfatti avvenuti — 2 [delle storie] delle storie, ogni men¬zione di pesti disseminate dagli uomini — 3 troppo — 4 [determinò] fissò questa [vaga] vagabonda ed inquieta credulità ad un punto djk errore, fu una Ietterà fino dall’anno antecedente spedita da Mad^O e [sottoscr] sottoscritta dal re D. Filippo quarto — 5 noni — nelle guerre di — 7 [che | il qu | che era stato| che nel giorno di — * era avvertito il governa tore — 9 erano — 10 ungere — 11 velenosi — 12 [dell’avviso] di quella lettera — 13 ma quando [il contagio che si vide regnare] il contagio che era stato annunziato come [l'effetto | un effetto] un effetto possibile di quelle unzioni, si vide regnare [altre] l’idea delle unzioni che era stata (lacuna) — 14 l’idea

668