Pagina:Gli sposi promessi IV.djvu/76


666 OLI SPOSI PROMESSI angusta delle cognizioni, e della esperienza comune, era opera del demonio, non solo nel male, ma 1 nelle cose in¬nocue, non nelle pregevoli, ma nelle buone : del che rimane tuttavia un vestigio in più d’un dialetto e d’una lingua, che per dinotare un uomo di abilità2 [straordinaria] in qua-lunque genere, 3 hanno tuttavia questa formola: egli è un diavolo; 4 ha il diavolo addosso. Contribuiva l’opinione universale, 5 congenere a questa che abbiam detta, sulla esistenza, sulla frequenza delle streghe e degli stregoni: opinione che, applicata poi a tanti infelici, 6 faceva nascere dei sospetti che nella persuasione divenivano fatti, e davano cosi 7 alla opinione stessa la forza e l’autorità della espè- rienza. Contribuiva la facilità 8 a credere 9 delitti enormi, strani, i0 intenzioni “ e disegni di una perversità infernale’ gratuita, capricciosa: facilità nata in parte12 da una esperienza troppo reale:13 non eran rari gli uomini che, a forza di con¬ceder delitti alle passioni loro, eran giunti a segno14 di farsi una passione e una gloria del delitto stesso. 16 Dei veleni poi l’uso era tanto frequente,16 come attesta il 17 Cardinal Federigo in un 18 suo trattatello su quella peste,19 il quale si conserva manoscritto nella biblioteca ambrosiana, che ne eran comuni gli artefici e le officine. L’ignoranza e l’irriflessione portavano poi leggiermente una tale corrività a creder misfatti, al di là delle nozioni del¬l’esperienza; e specialmente in ciò che risguardava le nazioni straniere:20 l’orgoglio, una stolta rivalità,21 talvolta una infame politica facevano inventare 22 alla giornata le più atroci im¬putazioni, o le interpretazioni più assurde di fatti reali; que¬ste erano gettate in mezzo ad una popolazione, che non 23 aveva né le 24 notizie di fatto, né 26 le idee generali per farvi sopra un esame, né l’abitudine di esamirftre; erano credute, ripetute, e 26 disponevano le menti a crederne altre, forma¬ 1 nelle cose | ed all | volte | ma — - straordinaria o una volontà straordinaria — 3 usa — * [Un] Quindi l'o | Contribuivano le opinioni comuni, e pur — r' [e pur estesa] consanguinea a questa che —cagionò — 7 a quella op —5 di — 9 a — fo e disegni — “ vasti — 12 da una espe¬rienza troppo reale, in parte da ignoranza e da irriflessione: questa [faci¬lità era] crudelità era portata al massimo grado in ciò che - 13 molti e molti — •* di amare il delitto — l:' perse: e dei —10 còme attesta — 17 Card. — 18 [suo] suo trattatello — 19 che si conserva — 2,1 |la o l’ij una — 21 una infame — 22 a gi — 23 aveva — 21 nozioni — - i pri — 211 for