Pagina:Gli sposi promessi IV.djvu/59


CAPITOLO III • TOMO IV. 649 regolare. Mi dica un po’, di grazia, se sapranno 4 poi dire la cagione * vera di questa mortalità. » « Oh bella! » disse il signor Lucio:3 « la cagione è chiara: in tutti i tempi si muore; in alcuni le morti sono più fre¬quenti, perché v’ha più malattie: e questo è il caso nostro. » «Si,» disse Don Ferrante; «ma le malattie, la cagione prima delle malattie?» 4 « Né qui pure c’è sotto gran mistero, » rispose il signor Lucio : « la carestia, la mala vita hanno cagionate le malattie. » ‘«Tutto bene,» disse Don Ferrante, «ma la cagione prima ?» « Io non so che cosa ella intenda per cagione prima, disse Don Lucio. « Ora, vede ella se bisogna poi ricorrere alla scienza, disse D. Ferrante. « Per trovare la cagione prima delle ma¬lattie, della carestia, di tutti questi infortunj, quella che spie¬ga tutto e che fa tutto, bisogna andar molto in fondo, anzi molto in” alto: bisogna cercarla negli aspetti dei pianeti. Perché non si vuol7 fare come il volgo, che guarda in su, vede le stelle, e le considera come tante capocchie di spilli, confitti in un torsello: ha bene inteso dire che le stelle in¬fluiscono, ma non va poi a cercare né come, né quando. 8 Abbiamo il libro aperto dinanzi agli occhi,9 scritto a carat¬teri di luce: non si tratta 10 che di saper leggere. Ed ecco che due anni fa comparve quella gran cometa, causata “ dalla congiunzione di Saturno e di Giove, apparet cometa mag/WS^ in cardine dextro, la quale indicava chiaramente che l’anno 12 susseguente, che è poi l’anno passato, doveva re¬gnare una terribile carestia; come si è trovata la spiegazione in quest’anno, con quelle parole tanto chiare e tanto terribi¬li: Fames in Italia morsque vigebit ubique. Che se i djfti le avessero trovate prima, non sarebbero mancati gli increduli, che se ne facessero beffe; ma, dopo il fatto, anche i più 1 trovare — 2 di questa — 3 la cagione è chiara; sono tante ma¬ lattie — 4 La carestia, e la .mala vita, rispose il signor Lucio. Non ci [scorgo] vedo gran mistero sotto. — s Potrei farla salire di ca¬gione in cagione, [e stancare la sua] e stancare la sua pazienza, disse Don Ferrante; ma senza [tanto male, non | darle questo inco¬modo] perdere tanto tempo, la cagione prima la dirò io, ed ella vedrà che [biso] non si può trovarla che nella scienza — 0 su — 7 guardare le stelle come il volgo che le considera come tante capocchie — 8 11 libro — 9 a — 10 che di saper leggere — 11 con la con —12 ve

650 .