Pagina:Gli sposi promessi IV.djvu/58


648 OLI SPOSI PROMESSI «La materia è un po’1 spinosa,» disse D. Ferrante- «ma-vedrò di renderla2 trattabile. Dico dunque che3 i rerum natura non vi4 ha che due generi di cose:5 sostanze e accidenti; ora il decantato contagio non può essere né del l’uno né dell’altro genere; dunque non può esistere in rerum natura. " Le sostanze... prego di tener dietro al filo del ragio¬namento... sono semplici o composte. Sostanza semplice il contagio non è; e si prova in due parole: non è sostanzi aerea; perché, se fosse, volerebbe tosto alla sua sfera e non potrebbe' rimanersi a danneggiare i corpi: non è acquea perché bagnerebbe; non è ignea, perché brucerebbe; non è terrea, perché sarebbe visibile. Sostanza composta, né meno; perché tutte le sostanze composte 8 si fanno discer¬nere all’occhio o al tatto; e* fra tutti i signori medici non vi sarà quell’Argo che possa dire d’aver veduto, non vi sarà quel Briareo che possa dire di aver toccato questo conta¬gio. Oh benissimo: vediamo ora se può essere accidente Peggio che peggio. Ci dicono questi signori che il conta¬gio si comunica da un corpo all’altro; sarebbe dunque un accidente trasportato. Ah! ah! un accidente trasportato: due parole che 10 cozzano, che ripugnano, che stanno insieme come Aristotele e scimunito: due parole da fare sgangherar dalle risa le panche delle scuole, 11 da fare scontorcere la filosofia; la quale 12 tiene, insegna, pone per fondamento che gli accidenti non possono mai mai passare da un soggetto all’altro. Mi pare che la cosa sia evidente.» « Intanto, » disse il signor Lucio, « senza tutti questi ar¬gomenti, col semplice buon senso, tutti i galantuomini, e il popolo stesso sanno benissimo che questo contagio è un sogno.» « Non lo sanno; perdoni,» rispose D. Ferrante: « lo in¬dovinano, a caso, come atomi senza cervello, che, girando senza saper dove, concorressero a 13 comporre una 14 figura 1 astrusa — 4 piana e — 3 nelle — 4 s — 5 sost — n Sostanza non può essere, — 1 far da — 8 cadono sotto i sensi ; e nessuno I cadono sotto il senso dell’ | potrà dire di aver né veduto, né udito, ne toccato, né gustato, né odorato questo contagio. — 9 nessuno — [fanno ai pugni fra loro | due parole | che ad un orecchio | che coz¬zano fra di loro come che] (lacuna) che ad un orecchio filosofico suonano come [Aristotele] se si dicesse Aristotele scimunito — 11 dove s impara nella prima lezione che —12 sost — 13 formare un — “ bella