Pagina:Gli sposi promessi IV.djvu/52


GLI SPOSI PROMESSI Dio, ridevano al nome di peste; 1 attribuivano la morta¬lità ai- disagj degli anni scorsi, ed avevano in pronto molti nomi per qualificare variamente gli accidenti di quel male * nelle varie persone; quando qualche infermo, rimovendo tristamente la coltre, mostrava loro un tumore che gli dava da pensare, essi sogghignando gli domandavano se non aveva mai veduto foruncoli; quando3 si parlava di4 ta¬luno5 estinto repentinamente,6 o dopo brevissimo lan¬guore, : domandavano se non si erano mai conosciute apo-plessie. Con una disposizione universale di questo genere, * gli ordini del tribunale dovevano incontrare da per tutto ostacoli, resistenze, inesecuzione. Cosi era in fatti;'-' e, per immaginarsi a qual segno, basti sapere che 10 gli ufiziali stessi del tribunale, quelli che dovevano fare eseguire gli ordini, erano, come l'universale, convinti che fossero paz¬zie. 11 Come però erano ordini,12 che davano ad essi una autorità, e ordini spiacenti ,n a chiunque vi si doveva as¬soggettare, 14 una gran parte di quegli ufiziali ,r’ faceva un traffico della inesecuzione. Era venuto il carnevale; e 10 agli animi, avidi di tripudio diveniva ancor più insopportabile la tirannia del tribunale, che per un 17 supposto ostinato, per un suo capriccio, vi poneva inciampo in mille modi. Non consta ,s veramente che giungesse all’eccesso di proibire le mascherate, ma fa¬ceva 1 • far visite incessanti, ma prescriveva sequestri, ma separava gente da gente, ma non rifiniva di tappezzare gli angoli delle vie di ordini minacciosi,20 malinconici; ma in¬ 1 non mancavano di nomi — 2 nei varj — 3 int — 4 qualche — 8 [repentinament] repent — 6 estinto — 7 estinto — 8 i provvcd — 9 [E quello] e per — 10 [gli u] i serv — 11 Operavano quindi — 12 [ed essi avevano l’incarico e la forza di farlo] che essi potevano fare eseguire, — 13 a quelli che dovevano obbedire — 14 costoro avev — ir* [ne aveva fatto per sé un ramo di speculazione ne] faceva un traffico della inesecuzione e il traffico divenne a poco a poco op¬pressivo. [Nel Carnevale di quell’anno] Era venuto il carnevale, e i sospetti rinchiusi a forza nel lazzeretto volevano divertirsi come gli altri; ottennero quindi con denaro che si lasciassero entrare loro co¬noscenti: vi si fecero balli: e feste; e quel deposito (lacuna) e quel luogo che certo [parrebbe | certo | sembr] parve dovesse ispirare tutt’altri pensieri divenne una stanza di tresche clamorose e di sozzi tripudj a poco a poco | Con denaro pure ottenevano un ridotto di tresche romorose, e di sozzi baccani (lacuna) — 16 in — 17 capriccio ostinato, per una sua idea strava — 18 veramente — 19 visi — 20 tri —

CAPITOLO 111 -