Pagina:Gli sposi promessi IV.djvu/32


622 GLI SPOSI PROMESSI deva che ' non le avrebbero trovate:2 enumerare tutte le ra¬gioni, per le quali il Conte sarebbe stato peggiore d’un cane se gli avesse fatto male,3 e divisare dove si sarebbe potuto cercare un asilo, se quello a cui si andava fosse stato * mal sicuro. Giunti presso al castello, videro un gran movimento- gente che andava, gente che veniva,6 uomini in arme appo¬stati,6 altri che giravano in ronda a tre, a quattro, tanto che D. Abbondio cominciò a scrollare il capo e a dire: «Che è questa faccenda?» Ma Perpetua gli spiegò tosto che que¬gli 7 erano evidentemente uomini, che vegliavano alla sicu¬rezza del castello, e di quelli che, come si vedeva, andavano ivi a rifuggiarsi. «Ohimè! ohimè!» disse D. Abbondio: «vedo che8 qui si voglion fare delle pazzie;8 appunto quando più si vor¬rebbe 10 stare zitti, rannicchiati senza né 11 meno fiatare, farsi scorgere.12 Basta: vedremo: se fanno pazzie, per tirarsi ad¬dosso la burrasca, dei monti ce n’è, e i13 precipizi non mi fanno paura: quando si tratti di salvare la pelle, ho coraggio anch’io quanto chi che sia; andrei in mezzo al fuoco.» Dette sotto voce queste parole, D. Abbondio prose¬guiva lentamente, guardando con attenzione a quegli armati, e cercando di comporre il vólto alla indifferenza, e di non la¬sciar trasparire il suo pensiero che diceva dentro: — Scom¬metterei che questo 14 gradasso ha caro che sia venuto 15 un flagello cosi orribile, per avere il pretesto di fare un po' di rimescolamento. Oli che gente ! Òli che gente! — Del resto le cose erano quivi, come 10 Perpetua le aveva immaginate. Al castello del Conte era rimasta 17 unita una antica opinione di sicurezza e di potenza ; e i nuovi costumi del signore ne avevano cancellata affatto l’idea di oppres¬sione e di terrore; dimodoché la gente del contorno,.dalla " banda del Milanese, vi accorreva, come ad 19 un asilo 20 forte 1 se — 2 (anno] anno — 3 e divisar do — 4 minacciato rond — c ron — 1 avanti — « si [vo] vo — ”. Basta vediamo — 10 quando non c’è altro | quando si | da fare che [starsi] star zitti, rannicchiarsi, (non f] non fiatare — 11 pure — 12 invece di stare zitti e rannicchia¬ti, | In questi casi non bisogn | e non fiatare. — 13 greppi — 14 taglia- cantoni ha — 15 tutto [questo [son] questo flagello — 16 aveva imma¬ginato — 11 affida — "• parte — 19 asilo — forte, e ospitale,