Pagina:Gli sposi promessi IV.djvu/27


TOMO IV. 617 Agnese fluttuava in un dubbio tempestoso: più volte, ve¬dendo passare qualche frotta de’ suoi paesani che tiravano verso i monti, s’era mossa permettersi in loro compagnia ; e poi ristava,1 pensando con raccapriccio ai pericoli, che l’a¬silo stesso poteva avere per lei. Ma dove trovare quello che le desse la sicurezza particolare, di ch'ella aveva biso¬gno ? Maneggiando e rimaneggiando quegli scudi d’oro, svol¬gendoli, e rincartocciandoli, togliendoli di seno per riporveli meglio, le sovvenne di colui che glieli aveva dati, delle sue proferte, del suo castello,5 posto al confine e 5 in alto come il nido dell’aquila; e4 si fermò tosto nel pensiero di cercarsi l’asilo colà. Aveva già sotterrate, nascoste sul solajo, riposte alla meglio le masserizie più grosse: sbarrò come potè le finestre, tolse un fardello, dove aveva ragunato 5 ciò che le sue forze bastavano a portare, ravvolse per l’ultima volta quegli scudi d’oro, e li cacciò sotto il busto tra la camicia e la pelle:" usci di casa, chiuse la porta,7 più per non trascu¬rare una formalità che per fiducia che avesse in quei gan¬gheri e in quelle imposte, si mise la chiave in tasca, e s’avviò. Trovandosi cosi soletta in istrada, pensò quanto le sarebbe stato prezioso un compagno in quel tragitto. Ma voleva es¬ser galantuomo,8 galantuomo a tutte prove, superiore ad ogni sospetto, e più forte d’ogni tentazione. — Dove trovarlo anche questo?9 Il curato? Perché no? la casa parrocchiale è a pochi passi: tentiamo. — Chi non ha veduto D. Abbondio in quel giorno,10 non ha una idea vera dell’impaccio.11 I nemici, che si avvicina¬vano, erano i più terribili, che egli avesse mai avuti a fronte, e quelli, contra cui erano più inutili tutte le sue armi, tutti i suoi stratagemmi. Non era gente da ammansarsi colla pie-ghevolezza, e colla sommessione; molto meno da contenersi coll’autorità. Non v’era salute che nella fuga; ma, primo di tutti a 11 risolverla, D. Abbondio era poi rimasto indietro di molti per le difficoltà, che trovava nella fuga stessa, e 1 pentita, — 2 posto — 3 all* — 4 posò — 5 le cose che poteva — * usci di — 1 si mise la chiave in tasca, — 8 sicuro — 9 Don Abbondio? — 10 ha [l’immagine conosc] l’immagine dell*impiccio e — 11 [Primo a risolve,] Era questo il frangente più terribile di quanti [gli] ne avesse mai passato, e quello contra il quale erano inutili tutti i suoi ripieghi tutti i suoi provvedimenti. Qui non — 12 risolvere la fuga, egli

618