Pagina:Gli sposi promessi IV.djvu/238


GLI SPOSI PROMESSI Fu per questa occasione che i’Achillini scrisse a Luigi quel suo famoso sonetto: «Sudate o fuochi a preparar metalli» e un altro con cui lo esortava a tentar l’impresa pel santo Se¬polcro. Quando la poesia ha avuto una parte celebre negli affari di questo mondo, non si vuole dissimularlo. Ma il cardinale di Ri- chelieu pensava in quella vece di tornarsene in Francia.