Pagina:Gli sposi promessi IV.djvu/224


814 GLI SPOSI PROMESSI s’eran veduti altri birboni dopo averne fatte tante e tante per- dere in un tratto quel gran rigoglio quando la loro ora era ve¬nuta; gli amici non sapevano più che pensare; egli rintanato coi suoi bravi non si lasciava veder da nessuno. I birri che fino allora avevano giucato dalla lunga, cominciarono a ronzare in frotte nei contorni della casa, a tenersi ai canti della via: il bargello li metteva a posto, li moveva, dirigeva ogni cosa, gi¬rava travestito, teneva e faceva tener l’occhio ora alla porta, ora agli sbocchi della via, sbirciava con certi suoi occhi cervieri chiunque uscisse di qua o di là, temendo sempre che il suo uomo non gli scappasse sotto qualche travisamento. Ma l’uomo che pensava a fargli tutt’altro tiro che quello, avvertito un df sul vespero che il bargello vigilante s’era piantato ad un canto della via, chiama un suo ragazzaccio ch’egli andava allevando al pa-tibolo, gli pone una valigetta su le spalle, e lo ammaestra che esca da quel canto, strisciando dietro il muro a guisa di chi vor¬rebbe passare inosservato. Mosso questo zimbello egli mette l’occhio a un pertugetto d’una imposta chiusa per vedere che accade nella via; e pochi istanti dopo vede birri a due, a tre venire innanzi e allogarsi dietro gli angoli di questa e di quella casa vicina, e poi avanzarsi il bargello in persona, entrare in una porta, star qualche momento, uscire, entrare in un’altra più vicina, far capolino, guardar fuori. Lascia in vedetta a quel per¬tugio un servo che desse un gran fischio quando il bargello por¬rebbe il piè nella via e verrebbe verso la casa, scende in fretta con molti altri, e li fa star pronti in arme sotto il portico; egli cheto cheto va nell’androne a porsi a canto una parete, tenendo colla destra il cane e il grilletto, colla sinistra la canna d’una sua carabina terribilmente famosa al pari di lui. Un fischio, un salto alla soglia, una sguardata, una mira, uno scoppio, il bargello per terra, tutto ciò avvenne in sei secondi. L’assassino rientrò subitamente, chiamò i bravi, e alla testa loro piombò addosso ai birri che sorpresi dal colpo e sopraffatti dal numero, la diedero a gambe. 1 La città fu piena del caso. La notizia ne giunse al palazzo di giustizia coi birri più corridori: il capitano corse a darla al go- 1 Accanto : « Capitolo XX. »