Pagina:Gli sposi promessi IV.djvu/215


805 l’entrata della terra, dalla parte dei monti, e separato dalla vi£ che conduce da Lecco a Bergamo, era il convento dei cappuccini. 11 sole, appena spuntato dal monte, saliva lentamente nel vasto sereno, e la sua luce dalle sommità dei monti opposti scendeva, come spiegandosi rapidamente giù per le chine, e nella valle, quando il Padre Cristoforo uscf del convento, avviandosi alla casetta dov’era stato domandato. Un venticello d’autunno, spiccan¬do dai rami ondeggianti le foglie appassite del gelso, le portava a cadere a qualche passo dall’albero. Dove la siepe- o il muric¬ciolo non impediva la vista del passeggiero, si scorgevano a dritta e a sinistra splendere nei campi i filari delle viti per le foglie colorate di mille rossi diversi, e le aiuole lavorate di fresco spic¬car nereggianti di mezzo al terreno. L’aspetto della terra era lieto, ma ogni figura d’uomo che apparisse portava dipinta la sconten¬tezza e la sollecitudine. Ad ogni tratto s’incontravano mendichi- laceri e macilenti, o invecchiati nel mestiere, o che la necessità induceva per le prjme volte a tender la mano. Passavano cheti accanto al Padre Cristoforo, e benché non potessero sperar nulla da lui, giacché capuccino non toccava mai moneta, pure gli face¬vano un inchino di ringraziamento in riconoscenza della elemosina * che avevano ricevuta; o che andavano a cercare al convento. Sull’aspetto dei lavoratori sparsi pei campi appariva un abbatti-mento diverso e ancor più compassionevole. pa* • L’uomo sa tormentare l’uomo1 nel cuore; e amareggiargli il pensiero di modo che anche la memoria2 dei momenti3 passati lietamente4 affacciandosi ad esso perde ogni bellezza, e porta un rancore non temperato da alcuna compiacenza; e tutta dolorosa:r* reca all’afflitto una certa meraviglia che abbia potuto altre volte godere, e non desidera più quelle contentezze delle quali non

  • Per questa e la seguente si veda Vultima nota a pagina 151, alla fine dèi Cap. Vili.

! nell’animo : — 2 dei tempi — 3 [lieti già] pa —4 [gli porla eoo se u) gli porta un rancore [senza) non misto di compiacenza, ma è tutta dolorosa. Addio, casa natale, — 5 reca al