Pagina:Gli sposi promessi IV.djvu/205


rne o pochissi¬mi. E benché questa non sia la sola gloria negativa di questa nostra letteratura, pure bisogna conservarla gelosamente intatta,15 al che ben provvedono quelle migliaja di lettori e di non lettori i quali per opporsi IC‘ leggon ovolentieri romanzi stranieri11 ogni sorta d’invasioni letterarie si occupano a dar18 se non altro molti disgusti a coloro che tentano d’introdurre qualche novità.19 Oltre di che questo genere,a0 quand’anche non sia altro che una espo¬sizione di costumi veri e reali per mezzo di fatti inventati è al¬trettanto falso e frivolo, quanto vero e importante era ed è il poema epico e il romanzo cavalleresco in versi. Per queste ra¬gioni ognun vede quanto debba importare all’editore di allonta¬nare da sé questo sospetto. Certo, il migliore!1 espediente sarebbe di mostrare il manoscritto, ma a questo egli non può indursi per 1 II ritegno del narratore [dal] nel nominare le persone e i luoghi non; [lascia] fa a dir vero oscurità d’importanza | avrei però desiderato — - dello —3 e il suo ritegno — * massime —[non lasciano però d] sono però — 6 questi nomi — 7 in questo manca nel ma — 8 però — ’•’crudele eh — 10del — 11 che — ** ammettes — 13 in questo caso — 14 di avere fatto un romanzo — 15 come fanno — 15 [al torrente] alle — 17 Qualcosa qui andava cancellato, o aggiunto, certamente. — 18 più che possono — 1,1 Altronde queste — 20 [ancor che non] ancor quando — 21 mezzo