Pagina:Gli sposi promessi IV.djvu/162


752 GLI SPOSI PROMESSI adulti reggano i teneri, i giovani sostengano con riverenza e con amore 1 i vecchj, ai quali la salute 8 ritornata non ap¬porta che pochi giorni di stento. E se in questo soggiorno di prova, in questo stesso crogiuolo di purgazione3 abbiam pec¬cato; se abbiamo abusato anche dei flagelli, se abbiamo sciu¬pati i doni4 e le ricchezze dello sdegno, come già quelli della benignità; ebbeneIs non abbiam però potuto esaurire il tesoro del perdono: ricorriamo ad esso di nuovo. Per me... » E qui l’oratore fece pausa, straordinariamente commosso- poi tolse una corda, che gli stava ai piedi,c se la avvin¬ghiò al collo come ad un malfattore,7 cadde ginocchioni, e prosegui: « Per me, e per tutti i miei compagni, i quali, seb¬bene immeritevoli, siamo stati per una ineffabile degnazione 5 trascelti all'alto privilegio di servir Cristo in voi; se, come pur troppo, non abbiamo degnamente corrisposto ad un tanto favore, se non abbiam degnamente adempiuto un si grande ministero,... perdonateci ! Se la fiacchezza, o la ritrosia della carne ci ha resi men pronti ai vostri bisogni, alle vostre chiamate," perdonateci! se una ingiusta impazienza se una noja colpevole ci ha fatto talvolta 10"nei vostri mali mostrarvi un vólto 11 severo, e fastidito, perdonateci !18 Se la corruttela d’Adamo ci ha fatto trascorrere in qualche azione, che vi13 sia stata cagione di tristezza, e di scandalo, perdonateci ! 14 Nessuno porti .fuor di qui altra amaritudine che delle 15 sue proprie colpe ! » 18 Cosi detto, stette egli ginocchioni, come aspettando un segno che l’umile17 e cordiale 18 suo prego era 10 accetto ed esaudito. Un singhiozzo, un pianto, un gemito universale si levò da quella turba a rispondere. Dopo 21 qualche mo¬mento il frate s’alzò, prese la croce ad ambe le mani, e l’inalberòscese dalla predella, e quivi depose i sandali; ** gridò ad alta voce:84 «andiamo in pace;»*5 poi intonò il 1 quegli che (il] il male ha risparmiati nella vecchiezza — 2 con¬cessa — abbiam peccato, chiediamone umilmente perdono. Per me ... (lacuna) E qui l’oratore — * dell’ira — 5 il tesoro del t>e — 11 la — 1 si lasciò — 8 chiamati — 'J se una colpevole ingiusta impazienza, — 10 mostrarvi un volt — 11 men benevolo, tristo e meno sommesso ; _ 12 se — 13 abbia cont — 11 Non portiamo. Qui, e dopo la parola colpe segno verticale, in penna. — 15 nostre — lc Cosi detto, stes (lacuna) — 17 sua preghiera [es] era — 18 sua preghiera — 18 bene — 20 fu la rispo¬sta — 21 un — 22 dinanzi a sé, — 23 e scalzo — 84 incamminiamoci in pace — » e scalzo, discese [dagli scaglioni] gli scaglioni del tempio